Feeds:
Articoli
Commenti

 Sergio Stagnaro*

index

With the emergence of chaos theory, it has become clear that it is possible to go in other directions, and treat statistical laws as emerging from causal laws.”  David Bohm

Dalla Percussione Ascoltata alla Diagnostica Psicocinetica.

La percussione e l’ascoltazione – importanti strumenti clinici di diagnosi – sono nate più o meno nella stessa epoca a Parigi (1, 2). Renè Laennec (1781-1826), in via sperimentale ascoltava i toni cardiaci con l’impiego di un struttura tubulare, rudimentale stetoscopio, senza l’applicazione diretta dell’orecchio al torace, mentre Jean Corvisart des Morets (1755-1821), suo maestro, informava i medici di Parigi sulla tecnica della percussione, illustrata in un articolo pubblicato nel 1761 da Leopold Auenbrugger (1727-1809), figlio di un oste viennese, che percuotendo le botti di vino per valutarne il livello, suggerì al figlio, futuro medico, la nuova metodica diagnostica clinica (1, 2). A mio parere, grazie al breve ma essenziale lavoro Inventum novum ex thoracis humani ut signos abstrusos interni pectoris morbos detegendi, L. Auenbrugger va considerato il fondatore e maestro della moderna percussione ascoltata. All’inizio del XIX secolo, per breve tempo, la metodica fu modificata con l’introduzione del plessore e del plessimetro, in verità sembra senza troppo successo.
La Percussione Ascoltata (P. Asc.) consiste, detto molto semplicemente, nella utilizzazione di un fonendoscopio, il cui tamburo è opportunamente collocato e tenuto in posizione dall’esaminando stesso, per valutare la trasmissione dei suoni attraverso quasi tutti gli organi, onde sonore prodotte dal medico con la percussione digitale sopra linee ben precise. Alla fine del ‘700, invece, era studiato soltanto il torace, con un successo maggiore di quello ottenuto, peraltro notevole, con il metodo classico: lesioni localizzate, per es., ad una profondità di oltre 5 cm. dalla superficie cutanea sono evidenziate soltanto con la P. Asc. (V. il mio sito http://www.semeioticabiofisica.it).
La P. Asc., per quanto modificata nel tempo da numerosi celebri cultori, come P. Piorry, J. Skoda, J. Naftalis, E. M. Leavy, D. O. Costell, J. D. Sapira, D.L. Williamson, J.R. Guarino, Giorgieri e Magi (3, 14), rappresentò sempre un metodo diagnostico “statico”, nel senso che venivano valutati gli organi nella loro, in verità solo apparente, rigida forma, in parte conseguenza della lentezza della applicazione e della sua modalità: nel  Rasario, Semeiotica Medica, XI Ed, Pag 104. si parla anche di strisciamento ascoltato. L’originale trasformazione in strumento diagnostico “dinamico”, “funzionale”, attuata da chi scrive, ha reso possibile la nascita della Riflesso-Diagnostica Percusso-Ascoltatoria, con cui sono utilizzati numerosi “riflessi”, segni, evidenziati, appunto, con la P. Asc., ottenuti mediante la stimolazione, per es., pressione digitale di varia intensità, di differenti e ben precisi trigger-points (1, 2, 15-19).
Mediante l’intervento determinante della Riflesso-Diagnostica Percusso-Ascoltatoria, è nata, all’inizio degli anni ’90, la Semeiotica Biofisica, che studia il caos deterministico dei sistemi biologici mediante leggi della fisica non-lineare, con applicazioni nella pratica quotidiana e nella ricerca, da me annunciata per la prima volta nel 1996 (26).
Infine, nel 2007 nasce la Semeiotica Biofisica Quantistica che utilizza leggi della fisica quantistica nello studio dei sistemi biologici e che ha portato alla nascita della Diagnostica Psicocinetica.

Caos Deterministico e Realtà non locale nei Sistemi Biologici.

Dal 1996 sappiamo che il volume dei sistemi biologici fisiologicamente non è costante  e non oscilla omeostaticamente intorno ad un volume medio, secondo la visione di Claude Bèrnard (fissità dell’ambiente interno) e di Cannon (omeostasi), teorie ancora generalmente accettate all’inizio del terzo millennio (2, 26-29). Nel sano, in realtà, tutti i sistemi biologici fluttuano in modo caotico deterministico quantistico sia a livello macroscopico sia a livello microscopico, cioè microvascolotessutale. Come si può comprendere da quanto sopra riferito, le oscillazioni dei sistemi biologici e dei relativi microvasi, riportate in un sistema di assi cartesiani, formano delle figure geometriche dalla variabile complessità, passibili di essere valutate bedside “quantitativamente” mediante una precisa misura, che ci consente di calcolarne la dimensione.
La misura o dimensione di queste strutture geometriche – dimensione frattalica – progressivamente diminuisce quando il sistema biologico passa, più o meno lentamente, dalla condizione fisiologica (Zona Bianca) a quella di malattia (Zona Nera), evolvendo in senso patologico (Zona Grigia). Ne consegue l’utilità dell’impiego di modelli matematici della dinamica non-lineare nella Semeiotica Biofisica Quantistica ai fine della valutazione anatomo-funzionale dei sistemi biologici, ottenendo una precisa valutazione dell’attività biologica, secondo la teoria dell’Angiobiopatia (2, 15-19, 30-34).

Infine, l’originale semeiotica fisica permette al medico di valutare clinicamente struttura e funzione del sistema microvascolotessutale di tutti i sistemi biologici, mediante l’accurata analisi delle informazioni contenute nelle fluttuazioni dei riflessi ureterali superiore (= piccole arterie ed arteriole, secondo Hammersen), medio (= dispositivi endoarteriolari di blocco, fisiologici e patologici neoformati) ed inferiore (= capillari e venule post-capillari), dell’uretere “in toto” (= interstizio), che informano sulle varie strutture dell’unità microvascolotessutale, in tale modo originando una nuova branca della Medicina: la Microangiologia Clinica Semeiotico-Biofisico-Quantistica (V. il sito www.semeioticabiofisica.it/microangiologia.it).
La dimensione frattalica è la misura del caos deterministico; in particolare, la dimensione frattalica, o fD, della vasomozione rappresenta il grado di complessità dei vari diagrammi, inclusi quelli relativi all’unità microvascolotessutale, e dei rispettivi tacogrammi.
La fD, infatti, corrisponde alla quantità di informazione da introdurre in un computer o da consegnare ad un disegnatore per ottenere la riproduzione delle figure stesse. Pertanto, la fD può essere definita anche come livello di entropia positiva.

Caos deterministico quantistico nei Sistemi biologici.

“La coerenza esistente tra il caos deterministico e l’interpretazione causale di David Bohm ci suggerisce di pensare al determinismo caotico quantistico (DCQ), dove l’incertezza e la impredicibilità sono proprietà intrinseche dei sistemi dinamici non-lineare. Il DCQ ci fornisce un fondo causale, una legge, un modello sottostante che dirige ogni cosa accade in natura, ma dove esiste la dipendenza sensibile alle condizioni iniziali e la complessità (aspetto caotico), e la non-località e discontinuità (aspetto quantistico), nel comportamento apparentemente  probabilistico delle dinamiche (sincronicità ed entanglement) dei sistemi dinamici non-lineari, dove incertezza e non-predicibilità sono proprietà intrinseche e quindi non casuali. Nell’ambito del DCQ è permesso il libero arbitrio, perché sono possibili dinamiche a feedback, che agiscono sugli eventi osservati, sullo spazio che esiste tra legge deterministica e la produzione di eventi in progress (eventarsi  di eventi) nella stessa legge, cambiando o alterando le condizioni iniziali. (Simone Caramel, Caos Deterministico Quantistico e Semeiotica Biofisica Quantistica. Relazione, Workshop Internazionale, 24 settembre 2010, Pavia, Università Strada Nuova N 65).
L’attuale situazione dell’aggiornamento in Medicina è sorprendentemente paradossale in tutti i paesi del mondo. Da un lato, appare inconfutabile l’eccesso della quantità di notizie destinate ai Medici, in particolare di Medicina Generale attraverso i numerosi canali d’informazione, che, tuttavia, risulta inefficace a rappresentare il reale modo di essere e di funzionare dei sistemi biologici, in fisiologia e patologia. Nel mondo, sono 33.000 circa le riviste mediche – peer reviews e periodici accreditati di differente valore scientifico – pubblicate nel mondo ogni settimana, mese, semestre, così come innumerevoli sono i siti che mettono in rete con variabile frequenza i progressi nei vari campi della medicina. Per tacere dei congressi, convegni, simposi! Dall’altro lato, tuttavia, la quasi totalità dei Medici ignora che nei sistemi biologici non c’è “ordine”, tradizionalmente inteso, ma caos deterministico, un ordine di tipo superiore. Nel VI secolo a.C., in diversi paesi del mondo, Grecia, Cina, Iran, fecero la loro separata apparizione diverse filosofie, il cui scopo primario era quello di spiegare i problemi essenziali della Natura e dell’uomo, procedendo mediante l’osservazione condotta in modo sempre nuovo.  La Filosofia della Natura è stata,  fino a Shakespeare, la denominazione dell’attuale  Scienza. Dopo la visione di un mondo “statico”, sostenuto da Parmenide, “Come cambia la natura?”, Eraclito l’Oscuro di Efeso, vicino a Mileto, sostenne al contrario che l’essenza della natura è il cambiamento e, quindi, il movimento, fatto ontologico fondamentale: “Panta rei”. Nulla è permanente, come nel vibrante fuoco di una fiamma e nel fluire dell’acqua, per cui non ci si può bagnare due volte nello stesso fiume. La malattia, per esempio, non può essere considerata come un cambiamento di attributi in un individuo per sua natura “immutabile”. Il passaggio, cioè, dallo stato di salute a quello di malattia è dotato delle stesse proprietà di una vibrante fiammella. La malattia subentra alla salute e, allorché questa “muore”, nasce la salute. Solo recentemente lo studio di questi cambiamenti, sia in natura (= previsioni del tempo) sia in biologia, è diventato competenza della scienza (V. il sito http://www.semeioticabiofisica.it): dopo 25 secoli, anche l’uomo più semplice si è reso conto che all’atomista Democrito sia seguito Eraclito.

Effetto Farfalla

Butterfly effect“-Daniela Biganzoli(Dab)

Da ormai un decennio, usando metodiche “cliniche” affidabili, relativamente semplici, certamente non costose, e, quindi applicabili su vasta scala, in ogni continente della Terra,  è possibile osservare che in “tutti” i sistemi biologici è presente fisiologicamente il caos deterministico quantistico, misurabile con la dimensione frattalica. Infatti,  nel sano, tutti i tessuti, organi, ghiandole modificano, 6 volte al minuto con periodi ed intensità variabili, le loro dimensioni in modo apparentemente stocastico, imprevedibile, casuale, ma in realtà secondo un ordine “superiore”, se sono studiate mediante le leggi della dinamica non-lineare. Alla base di queste fluttuazioni, o traiettorie, ci sono identiche variazioni o fluttuazioni del calibro macro- e micro-vascolare, di notevole significato fisiologico e patologico. Molto semplicemente, la flow-motion (= movimento del sangue nei microvasi) e la flux-motion (= passaggio trans-parietale di fluidi dal e verso il sangue, nei microvasi di scambio), conseguenti alla sfigmicità arteriolare, ad una accurata osservazione semeiotico-biofisico-quantistica mostrano un comportamento temporale assai interessante, “discontinuo”, “pulsato”, è dipendente dalla forza propulsiva imposta al sangue dalla sistole arteriolare, che fa seguito alla diastole arteriolare, caratterizzata dal comportamento caotico-deterministico-quantistico, proprio dei sistemi dinamici non-lineari.
Nel sano “a riposo”, la complessità nel comportamento del flusso ematico microcircolatorio e del liquido interstiziale è notevolmente accentuata dal fatto che, in una definita unità microvascolotessutale (o in poche unità contigue), dopo due onde di vasomotility (= dilatazione-contrazione delle arteriole) vi è un completo arresto della sfigmicità della durata massima di 6 sec. ca., a cui fa seguito ovviamente la cessazione delle fluttuazioni caotico-deterministiche dell’interstizio e della vasomotion (= dilatazione-contrazione capillaro-venulare), com’è noto causati dalla sfigmicità arteriolare a monte.
La presenza del comportamento caotico deterministico quantistico nei sistemi biologici testimonia la flessibilità nell’adattamento del sistema stesso di fronte alle mutevoli richieste vitali, che gli sono rivolte nel tempo e, pertanto, il significato del caos in biologia consiste nella possibilità di sopravvivenza.
E’ ormai ben nota l’efficienza dei segnali “pulsati”, perché è generalmente ammesso che segnali periodici sono molto più efficienti di quelli costanti, fissi, persistenti, nell’evocare risposte fisiologiche prolungate. Ecco spiegato perché l’invecchiamento è caratterizzato dal venire meno, generalmente, di questa positiva e favorevole complessità: la dimensione frattalica nei sistemi biologici si va riducendo.
A modo di esempio, il lettore pensi ad una automobile inizialmente dotata di cinque marce, alla quale sia rimasta una sola possibilità di movimento, più precisamente la minima possibilità, cioè la marcia più bassa, in conseguenza del logorio impostole dal tempo o da altra causa, naturalmente.

E ancora: la lepre che fugge davanti al cacciatore con movimenti irregolari ed imprevedibili non-lineari ha molte più possibilità di sopravvivenza di quella che fugge con moto lineare.
In caso di invecchiamento, o di malattie degenerative croniche, chiaramente, il tipo di attrattore delle traiettorie (= spazio matematico, ideale, sotto-spazio dello spazio delle fasi, quasi un “contenitore”, nell’ambito del quale le traiettorie si muovono senza cadervi dentro, ma anche senza potergli sfuggire) è “a punto fisso”, come nel caso di un pendolo, le cui oscillazioni sono sottoposte ad attrito e finisce per fermarsi in un punto preciso.
Al contrario, l’attrattore fisiologico è rappresentato da una figura alquanto “strana”, appunto l’attrattore “strano”, identico a quello che racchiude le traiettorie della dinamica di una giovane lepre in fuga dal cacciatore.
Tra questi due tipi estremi – Salute, o Zona Bianca, e Malattia, o Zona Nera, –  incontriamo l’attrattore “a ciclo limite”, rappresentato nello spazio delle fasi da un cerchio deformato ai due poli, pensiamo alla forma terrestre: esso geometrizza quanto accade nella lenta evoluzione verso la malattia a partire dalle numerose “costituzioni”, conditio sine qua non delle patologie umane, per esempio, nella ridotta tolleranza al glucosio, per quanto riguarda la dinamica dei microvasi insulari pancreatici di un soggetto positivo per la “costituzione diabetica” (e “dislipidemica”) del tutto asintomatico sino all’insorgenza del diabete mellito: Zona Grigia (2).
Sulla base di sicura e lunga esperienza clinica, mi sento autorizzato ad affermare che la traiettoria delle dinamiche dei sistemi biologici nello spazio delle fasi è la metafora della vita: dall’attrattore strano all’attrattore a punto fisso attraverso l’attrattore a ciclo limite.

Calcolo della Dimensione frattalica delle Fluttuazioni Caotico-Deterministiche dei Sistemi Biologici.

Dal punto di vista semeiotico-biofisico-quantistico, nel calcolo della fD un ruolo di primo piano è svolto dall’intensità delle Highest Spikes (HS) (Fig. 1) (2, 30, 31).
Fisiologicamente, infatti, l’intensità di queste oscillazioni massimali è 1,5 cm., misura della intensità massima di fluttuazione ureterale, superiore ed inferiore, valutata con la percussione ascoltata del viscere.
Se si divide questo valore dell’altezza delle HS,  per l’intensità delle oscillazioni minime ( I = 0,5 cm.), si ottiene un importante parametro, il fattore frattalico ( ff = 3 ), una variabile molto utile nella valutazione della fD, espressione del modo di essere e funzionare del sistema biologico oggetto di indagine.
A questo proposito ricordo che la fD, o grado di entropia, rappresenta la complessità della figura frattalica, a cui ci si riferisce.
In altre parole, tanto più complessa è la figura di riferimento, tanto maggiore è la quantità d’informazione necessaria da introdurre, come scritto sopra, in un computer per ottenere quella figura, cioè tanto maggiore è l’energia in entrata fino a corrispondere a quella in uscita, o superarla, in caso di massima complessità: la fD aumenta con l’incremento della complessità della struttura che vogliamo descrivere.
La valutazione bed-side di “tutte” le componenti del letto microcircolatorio con la Semeiotica Biofisica-Quantistica è altrove decritta nei dettagli (2, 30, 31) V.  anche nel sito http://www.semeioticabiofisica.it/microangiologia/.
Nel sano, le massime oscillazioni microvasali o Highest Spikes (HS), osservate ogni 25 sec. esatti, cioè dopo due “normali” oscillazioni caotiche, stocastiche, imprevedibili ed impredicibili, sempre precedute dall’intervallo più prolungato, durante cui avviene accumulo di ATP nelle smooth muscle cells vasoparietali, rivelano una intensità tre volte maggiore di quella delle fluttuazioni minime: il loro rapporto coincide con  il fattore frattalico (NN: ff = 3), una variabile importante nel calcolo della fD.
Pertanto, nel sano, il comportamento dinamico e temporale della vasomotility e della vasomotion appare chiaramente caotico e non-lineare. Infatti, il caos, nel suo significato tecnico, moderno, è utilizzato per indicare una forma di evoluzione temporale, in cui la differenza tra due stati, all’inizio molto vicini e simili, cresce col passare del tempo in modo esponenziale.
A questo punto ricordiamo, tuttavia, che si osservano “finestre” di ordine all’interno del “caos” delle dinamiche microvasali, provocate dall’immissione di una maggior quantità di materia-energia-informazione oppure, al contrario, dalla sua patologica riduzione.
Confrontando le HS con le altre oscillazioni irregolari, “normali”, fisiologiche e non, osserviamo un fatto interessante: tutte le “orbite” sono attratte in uno spazio “matematico”, difficile da illustrare in modo geometrico, visivo, definito nel soggetto sano come “attrattore strano”, che somiglia ad una curva continua, confinata in una regione finita dello spazio delle fasi, che mai lo attraversa e neppure vi cade dentro.
“La struttura geometrica degli attrattori strani in qualche modo somiglia a quella della pasta-sfoglia, che è fatta mediante ripetuti stiramenti-ripiegamenti della sostanza” (2). L’ “attrattore strano” generalmente è rappresentato in modo raffinato da una figura somigliante alle ali di una farfalla.
“>In realtà, gli attrattori strani hanno in certi casi mostrato di essere dei frattali e si congettura che tali siano in molti altri. Sebbene molto difficili nella loro essenza, nella pratica il caos e i frattali sembrano essere intimamente correlati, per esempio, nel flusso ematico polmonare.
Il lettore, che per la prima volta si confronta con questi argomenti, pensi allo spazio matematico delle fasi (= uno spazio multidimensionale), che contiene, per esempio, le dinamiche di una cellula muscolare liscia, come ad uno spazio le cui coordinate non sono quelle a noi note dello spazio “fisico” in cui viviamo con 3 D/S e 1 D/T, ma quelle, molto più numerose, rappresentate dalla concentrazione cellulare di Na+, K+, Ca2++, Mg++ ATP, ADP, AMP, Creatina-fosfato, ecc.
Il sotto-spazio dello spazio matematico delle fasi rappresenta l’attrattore, entro il quale si muovono le traiettorie seguendo percorsi sempre differenti, senza mai passare due volte nello stess punto, cadere in esso o da questo uscire.Quando  gli organi e i tessuti evolvono verso una condizione patologica cronica, per esempio, la Sindrome Metabolica, classica e “variante”, caratterizzata da alterata tolleranza al diabete, iperinsulinemia-insulino-resistenza dislipidemia, ipertrigliceridemia a volte obesità, nel 50% dei casi diabete oppure in evoluzione diabetica (= individui con Costituzione Diabetica e Reale Rischio Congenito), le HS sono ancora presenti, ma la loro intensità appare nettamente ridotta, per esempio con ff = 2/1, quando è confrontata con quella delle oscillazioni minime (NN = 3/1), valutate come fluttuazioni dei riflessi ureterali, superiore o inferiore, e coledocico.
Inoltre, le “normali” oscillazioni, sebbene mostrino un comportamento caotico, sono chiaramente meno irregolari ed meno intense di quanto si osserva nel sano: sembra che tutte le orbite siano attratte da un attrattore “semplice”, tecnicamente definito “a ciclo limite”: pensi il lettore alla forma della terra, cioè una sfera schiacciata ai due poli.
Infine, in caso di malattia cronica (nel nostro esempio, il diabete mellito, tipo 2, NIDDM), in netto contrasto con la patologia acuta, le HS sono tipicamente assenti e le oscillazioni dei riflessi coledocico ed ureterali sono di piccola intensità, tutte uguali con il periodo fisso di 10 sec. e, quindi, facilmente prevedibili e con scarsa entropia: bastano poche informazioni al computer per descrivere la sua rappresentazione geometrica: al posto della costa frastagliata ora osserviamo la spiaggia.
In queste condizioni osserviamo il più “semplice” attrattore, che corrisponde al punto dove tutte le traiettorie terminano, rappresentato, pertanto, come un punto nello spazio “matematico” delle fasi: attrattore “a punto fisso”. Chiaramente questo attrattore non è di tipo caotico, ma topologico: è sufficiente fornire di poche istruzioni un computer (basso livello di entropia) per riprodurre graficamente queste dinamiche (2).
Appare interessante il fatto che nei giovani colpiti da un transitorio processo morboso “acuto”, come la labirintite da virus influenzale, durante stimolazione intensa dei relativi trigger-points (pressione digitale £ cm. sopra il meato uditivo esterno: proiezione cutanea dei centri cocleo-vestibolari) le oscillazioni regolari, prevedibili, uguali della vasomotility e della vasomotion delle unità micro-vasolo-tessutali del labirinto posteriore sono facilmente valutate come HS con la Semeiotica Biofisica Quantistica, evidenziando una massima attività motoria locale, autonoma e autoctona
Per riassumere quanto precede, l’intensa pressione digitale, applicata sopra la proiezione cutanea di un organo, transitoriamente sofferente ma ancora reattivo, provoca la comparsa di una massima attività motoria.
Da quanto sopra riferito, grazie alla Semeiotica biofisica quantistica, il Medico può oggi ammirare nel corpo umano sano la bellezza frattalica, che va gradatamente riducendosi con la progressiva evoluzione verso la patologia. Infatti, quando un sistema biologico, dinamico, diventa lentamente fisso a partire dal suo moto inizialmente periodico, quando cioè si riduce la sua complessità, quando esso perde le sue componenti caotiche, quando al “caos” subentra l’ “ordine”, allora non possiede più le originarie capacità adattative e la sua possibilità di molteplici risposte.
A questo punto il lettore deve sapere che esiste la  possibilità calcolare, in vari modi di differente elaganza e difficoltà, la dimensione frattalica (fD) di un sistema biologico caotico deterministico, come quello microvascolare di qualsiasi organo, viscere o tessuto.
Tra i numerosi procedimenti al letto del malato facilmente realizzabili, il seguente è veramente originale: in 120 sec. si attuano 4 HS, che dividono lo spazio in 4 segmenti; ogni segmento, a sua volta, è ulteriormente diviso in 3 parti da due “normali” oscillazioni.
Pertanto, è facile calcolare la fD della figura, cioè il grado di caos, di entropia, o la complessità della figura, che grosso modo indica lo spazio occupato dalla figura stessa ed è la misura della sua complessità:
logn 4 / logn 3 x “f” a)
Il fattore “f”, “fattore frattalico, risulta dal rapporto HS/oscillazione minima: nel sano è 3, come già riferito.
Ne consegue che fisiologicamente la fD è > 3 < 4, cioè  3,81 (1, 27 X 3) .
Nei pazienti, dove un sistema biologico evolve verso qualsiasi patologia cronica la fD è >1 < 3 e, infine, nelle malattie croniche la fD (= il pancreas endocrino in caso di diabete) è 1, dimensione topologica (2).
Mi sembra interessante accennare alla presenza di numeri magici, incontrati in mezzo secolo nelle mie ricerche, a dimostrazione della verità “scientifica” della teoria semeiotico-biofisica. A modo d’esempio, se si divide la fD fisiologica, cioè osservata nel sano (3,81) per i valori della fD delle traiettorie di un sistema biologico in lenta evoluzione patologica (per es., il pancreas endocrino nella RTG in lenta evoluzione verso il DM) cioè per valori di fD oscillanti intorno a 2,37, si ottiene 1,68, f, la sezione aurea, che incontriamo nel frontale del Partenone e nel vaso etrusco di Francois.
A questo punto ricordo che la dimensione frattalica si calcola, in modo estremamente preciso, semplice e quindi pratico, come valore della durata della scomparsa del riflesso gastrico aspecifico – tecnicamente parlando, il tempo di latenza differenziale – durante stimolazione persistente dei trigger-points relativi ai diversi sistemi biologici: nel sano, per esempio, il riflesso Cardio-Gastrico aspecifico, il cui tempo di latenza è 8 sec. esatti,  mostra una durata > 3 sec. < 4 sec., dopo di che scompare, prima di riapparire,  per un tempo in secondi identico alla dimensione frattalica.
E’ bene sapere che una durata del riflesso uguale o maggiore di 4 sec. è inversamente correlata alla fD! Infatti, questo valore parametrico relativo alla durata del riflesso, è espressione della efficacia della Riserva Funzionale Microcircolatoria (RFM), a sua volta direttamente correlata al grado di caos deterministico del sistema biologico oggetto di valutazione.

* Sergio Stagnaro MD

Via Erasmo Piaggio 23/8,
16039 Riva Trigoso (Genoa) Italy
Founder of Quantum Biophysical Semeiotics
Who's Who in the World (and America)
since 1996 to 2010
Ph 0039-0185-42315
Cell. 3338631439

www.semeioticabiofisica.it

dottsergio@semeioticabiofisica.it

http://club.quotidianonet.ilsole24ore.com/blog/sergio_stagnaro

Bibliografia

  • Stagnaro S., Rivalutazione e nuovi sviluppi di un fondamentale metodo diagnostico: la percussione ascoltata. Atti Accademia Ligure di Scienze e Lettere. Vol. XXXIV, 1978.
  • Stagnaro-Neri M., Stagnaro S. Introduzione alla Semeiotica Biofisica. Il Terreno Oncologico. Travel Factory, Roma, 2004. http://www.travelfactory.it/semeiotica_biofisica.htm
  • Bohadana A. B., Coimbra F. T. V., Santiago J. R. F., Detection of lung abnormalities by auscutatory percussion: a comparative study with conventional percussion, Respir., 50, 218, 1986
  • Bohadana A. B., Kraman S. S., Transmision of sound generated by sternal percussion, J. Appl. Physiol. 66, 273,1989
  • Bohadana A. B., Pakal R., Kraman S. S., Contour maps of auscultatory percussion in healty subjects and patients with large intrapulmonary lesions, Lung. 167, 359, 1986
  • Bourke S., Nunes D., Stafford, Huurley G., Graham I., Percussion of the chest re-visited: a comparison of the diagnostic value of auscultatory percussion and conventional chest percussion, Pr. J. Med. Sci. 158, 82, 1989
  • Castell D.O. The spleen percussion sign: a useful diagnostic technique, Ann. Intern. Med., 67, 1265, 1967
  • Castell D.O., Estimation of liver size by percussion in normal individuals, Ann. Med., 70, 1183, 1969
  • Giorgieri C., Magi P., Ascoltazione Stetoscopica della Percussione, Ed. F. Vallardi. Milano, 1987
  • Guarino J.R., Abdominal Aortic Aneurysm, J: Kansas Society, Vol. LXXVI, 108, 1975
  • Guarino J.R., Auscultatory percussion of the Bladder to detect urinary retention, N. Engl. J. Med. 305, 701, 1981
  • Guarino J.R., Auscultatory percussion of the chest, Lancet. i, 1332, 1980
  • Guarino J.R., Auscultatory percussion of the head, Brit. Med. J., 284, 1075, 1982
  • Guarino J.R., Auscultatory percussion of the Urinary Bladder, Arch. Intern. Med. 145, 1823, 1985
  •  Stagnaro S., Stagnaro-Neri M., La Melatonina nella Terapia del Terreno Oncologico e del “Reale Rischio” Oncologico. Travel Factory, Roma, 2004. http://www.travelfactory.it/htm
  • Stagnaro S., Stagnaro-Neri M., Le Costituzioni Semeiotico-Biofisiche.Strumento clinico fondamentale per la prevenzione primaria e la definizione della Single Patient Based Medicine. Travel Factory, Roma, 2004. http://www.travelfactory.it/htm
  • Stagnaro S., Stagnaro-Neri M., Single Patient Based Medicine.La Medicina Basata sul Singolo Paziente: Nuove Indicazioni della Melatonina. Travel Factory, Roma, 2005. http://www.travelfactory.it/htm
  • Stagnaro Sergio. Teoria Patogenetica Unificata, 2006, Ed. Travel Factory, Roma.
  • Stagnaro Sergio.Reale Rischio Semeiotico Biofisico. I Dispositivi Endoarteriolari di Blocco neoformati, patologici, tipo I, sottotipo a) oncologico, e b) aspecifico. Travel Factory, www.travelfactory.it, Roma, 2009.
  • Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., Carenza di Co Q10 secondaria a terapia ipolipidemmizante diagnosticata con la Percussione Ascoltata. Settimana Italiana di Dietologia, 9-13 Aprile 1991, Merano. Atti, pg. 65. Epat. 37, 17, 1990.
  • Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., Acidi grassi W-3, scavengers dei radicali liberi e attivatori del ciclo Q della sintesi del Co Q10. Gazz. Med. It. – Arch. Sc. Med. 151, 341, 1992.
  • Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., Auscultatory Percussion Coenzyme Q deficiency Syndrome. VI Int. , Biomedical and clinical aspects of Coenzyme Q. Rome, January 22.24, 1990,Chairmen K. Folkers, G.L. Littarru, T. Yamagani, Abs., pg. 105, 1990.
  • Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., Sindrome clinica percusso-ascoltatoria da carenza di Co Q10. Medic. Geriatr. XXIV, 239, 1993.
  • Stagnaro-Neri M. Stagnaro S., Diagnosi percusso-ascoltatoria e monitoraggio terapeutico della sindrome Magnesio-carenziale. Med. It. – Arch. Sc. Med. 147, 259, 1988.
  • Stagnaro S., Stagnaro-Neri M. Percussione Ascoltata della Sindrome Ferro-Carenziale. Med. Praxis 17, 4, 1, 1986.
  • Stagnaro-Neri M., Moscatelli G., Biophysical Semeiotics: deterministic Chaos and biological Systems. Gazz. Med. It. – Arch. Sc. Med. 155, 125, 1996.
  • Stagnaro S., Aritmia splenica, segno attendibile di patologia bilio-duodenale. Min. Med. 76, 1426, 1985 [Medline]
  • Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., Deterministic Chaos, Preconditioning and Myocardial Oxygenation evaluated clinically with the aid of Biophysical Semeiotics in the Diagnosis of ischaemic Heart Disease even silent. Acta Med. Medit. 13, 109, 1997
  • Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., Deterministic chaotic biological system: the microcirculatoory bed. Theoretical and practical aspects. Gazz. Med. It. – Arch. Sc. Med. 153, 99, 1994
  • Stagnaro Sergio. Semiotica Biofisica Quantistica. Scienza&Conoscenza, 8 Ottobre, 2008, http://www.scienzaeconoscenza.it/articolo.php?id=21568 e Terra di Nessuno. http://terradinessuno.wordpress.com/biblioteca-di-terra-di-nessuno/sergio-stagnaro-semeiotica-biofisica-quantistica/
  • Sergio Stagnaro. Semeiotica Biofisica Quantistica: Riflessioni Epistemologiche. Aprile 2007, http://terradinessuno.files.wordpress.com/2009/01/semeiotica-biofisica-rifl-epistem.pdf
  • Stagnaro Sergio. Quantum Biophysical Semeiotics: The Theory of Angiobiopathy. http://sciphu.com/, 11 May, 2009. and http://wwwshiphusemeioticscom-stagnaro.blogspot.com/
  • Sergio Stagnaro. Angiobiopatia: Krogh Aveva Ragione !  fce.it, 21 gennaio, 2010. http://www.fceonline.it/images/docs/krogh.pdf e alla URL http://www.mednat.org/krogh.pdf
  • Sergio Stagnaro. CAD Inherited Real Risk: Nosography and Therapy. The Concept of Angiobiopathy.  February, 2010.     docstoc.com. http://www.docstoc.com/docs/27177703/CAD-Inherited-Real-Risk-Nosography-and-Therapy
  • Sergio Stagnaro. CAD Inherited Real Risk: Nosography and Therapy. The Concept of Angiobiopathy. shiphu. 11 March, 2010.http://wwwshiphusemeioticscom-stagnaro.blogspot.com/2010/03/cad-inherited-real-risk-nosography-and.html and http://sciphu.com/2010/03/cad-inherited-real-risk-nosography-and.html
  • Stagnaro Sergio. Semeiotica Biofisica Quantistica: La Teoria dell’Angiobiopatia. http://www.fcenews.it, http://www.fcenews.it/index.php?option=com_content&task=view&id=1451&Itemid=47

 

 


 

del Dott.Sergio Stagnaro

images

In piedi davanti al mare
meravigliato della propria meraviglia: io
un universo di atomi
un atomo nell’universo.

(Richard Feynman)

La Nascita

La Nascita“- Biganzoli Daniela (Dab) – 2010

Come ho consigliato ai miei pazienti per 45 anni, ogni mattina vado in riva al mare per un salutare idromassaggio nel bagnasciuga, di buon ora perché il mio cuore infartuato,sebbene ristrutturato dalla Terapia Quantistica Mitocondriale Ristrutturante, male sopporta la calura estiva.

In piedi davanti al mare che bagna la Riviera Ligure di Levante ancora silenziosa, oggi il mio pensiero critico è stato attratto dalla mancanza di curiosità dei Medici odierni, causa della Strage degli  Innocenti, morti per cancro.

E’ noto che il carcinoma del pancreas, definito the silent killer a causa della sua difficilissima diagnosi, impossibile negli stadi asintomatici, porta a morte chi ne è colpito, magari dopo 5 aa. nell’1% dei casi.

Diceva Einstein, “ Tutti sanno che una cosa è impossibile da realizzare, finché arriva uno sprovveduto che non lo sa e la inventa “. Ed è quanto è successo per la facile e rapida diagnosi clinica del cancro del pancreas a partire dalla nascita, cioè dal suo Reale Rischio Congenito, dipendente dal Terreno Oncologico (1-3).

Il valore scientifico dei risultati della mia ricerca è dimostrato dal fatto che l’offerta del mio contributo al Simposio Internazionale 2015 di Marsiglia sul cancro del pancreas è stato accettato nonostante fosse stato inviato soltanto tre settimane prima dell’inizio dei lavori avessi scritto al Lecture Committee, mostrando la mia disponibilità a parteciparvi:

Messaggio Inoltrato

Oggetto: May I speak on early, easy, bedside diagnosis of Pancreas Cancer Oncological Terrain- Dependent, Inherited Real Risk?
Data: Tue, 6 Oct 2015 09:24:02 +0200
Mittente: Sergio Stagnaro <dottsergio@semeioticabiofisica.it>
A: ejarry@comnco.com

 

……………I am 84-year-old and involved by AMI outcome. However, if you consider interesting such a original topic, I could participate to Symposium, if invited, of course. …………………..

La gentile risposta è arrivata dopo due ore circa:

Messaggio Inoltrato

Oggetto: Re: Fw: May I speak on early,easy, bedside diagnosis of Pancreas Cancer Oncological Terrain- Dependent, Inherited Real Risk?
Data: Tue, 6 Oct 2015 11:18:30 +0200
Mittente: Marie Mettling <marie@comnco.com>
A: dottsergio@semeioticabiofisica.it

Dear Mr Stagnaro,

The lecture committee of PANCREATIC CANCER SYMPOSIUM has carefully considered your abstract and we are pleased to announce that your work has been selected for a poster………………… Thank you to stand near your poster during breaks so as to present and discuss with the participants……..

In seguito, fino a tutt’oggi,  ho tentato invano di illustrare la diagnosi clinica di cancro del pancreas ai più noti oncologi, italiani e stranieri, inclusi molti Direttori di Istituti per lo Studio del Cancro, ma non ho mai ricevuto una sola risposta. Uno di loro, chirurgo-oncologo docente universitario, due giorni or sono mi ha invitato a non inviargli ulteriori mail. A questo punto gli ho chiesto l’autorizzazione a pubblicare in un articolo il nostro scambio epistolare, ma non ho ricevuto alcuna risposta.

Qualcuno potrebbe sospettare che la mancanza di curiosità verso i progressi della semeiotica fisica da parte di Medici Laboratorio- e Dipartimento delle Immagini-Dipendenti, sia la conseguenza di una deleteria miopia scientifica che provoca comportamenti suicidi/omicidi.

Il progresso scientifico ha bisogno del confronto, sereno e critico, di teorie differenti.  Coprire col sospetto silenzio i progressi della Semeiotica Biofisica Quantistica rende impossibile l’applicazione su vasta scala della non costosa prevenzione primaria del cancro, basata appunto sul Reale Rischio Congenito, dipendente dal Terreno Oncologico (4), diagnosticato rapidamente con un comune fonendoscopio a partire dalla nascita ed eliminato con non costosa Terapia Quantistica Mitocondriale Ristrutturante (5, 6).
Bibliografia
1) Sergio Stagnaro. Early bedside Diagnosis of Pancreas Cancer, starting from its Oncological Terrain-Dependent, Inherited Real Risk http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/norimbergasign_pancreascancer_updated.pdf; Slide Presentation  at URL http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/cancropancreas_2015.pdf


2) Sergio Stagnaro (2015). Thanks to Quantum Biophysical Semeiotics, Stating that the Diagnosis of Pancreas Cancer is difficult, especially in the early, asymptomatic stages , is false since July 3, 2015.
https://sergiostagnaro.wordpress.com/2015/07/19/thanks-to-quantum-biophysical-semeiotics-stating-that-the-diagnosis-of-pancreas-cancer-is-difficult-especially-in-the-early-asymptomatic-stages-is-false-since-july-3-2015/

 

3) Sergio Stagnaro.  Originale Ruolo svolto dai PPARγ-1 nella Diagnosi Clinica di Cancro del Pancreas a partire dal suo Reale Rischio Congenito. La Voce di SS., http://www.sergiostagnarowordpress.com,  http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/ppars_diagnosicancropancreas2015.pdf

4) Sergio Stagnaro and Simone Caramel.  BRCA-1 and BRCA-2 mutation bedside detection and breast cancer clinical primary prevention.  Front. Genet. | doi: 10.3389/fgene.2013.00039.  http://www.frontiersin.org/Cancer_Genetics/10.3389/fgene.2013.00039/full [MEDLINE]

5) Caramel S., Marchionni M., Stagnaro S. Morinda citrifolia Plays a Central Role in the Primary Prevention of Mitochondrial-dependent Degenerative Disorders. Asian Pac J Cancer Prev. 2015;16(4):1675. https://www.researchgate.net/publication/273147071_Morinda_citrifolia_Plays_a_Central_Role_in_the_Primary_Prevention_of_Mitochondrial-dependent_Degenerative_Disorders

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25743850 [MEDLINE]

6) Sergio Stagnaro and Simone Caramel (2013). The Role of Modified Mediterranean Diet and Quantum Therapy in Oncological Primary Prevention.  Bentham PG., Current Nutrition & Food Science  ISSN (Print): 1573-4013;  ISSN (Online): 2212-3881. VOLUME: 9,  ISSUE: 1; DOI: 10.2174/1573401311309010011;  http://www.benthamscience.com/contents-JCode-CNF-Vol-00000009-Iss-00000001.htm

ScreenHunter_12 Feb. 27 12.41

di Paolo Manzelli  – egocreanet2016@gmail.com

ScreenHunter_199 Jul. 11 11.51

Sappiamo come le emissioni in aria di CO2 debbano essere ridotte per evitare drastici cambiamenti climatici che hanno un impatto distruttivo sull’ economia e sviluppo specialmente in riferimento alla produzione agricola del cibo. Pertanto oggi abbiamo di conseguenza la necessita’ di un profondo cambiamento del modello energetico passando da energie basate su petrolio e carbone ad energie rinnovabili ma comprendiamo anche che dobbiamo modificare l’economia di sviluppo agricolo sviluppando nuovi orizzonti di rinnovamento della produzione agricola e forestale .

Una soluzione agibile là dove la fonte alternativa di energia è la Geotermia dato che con essa diviene possibile contribuire a diminuire l’impatto climatico causato dalle emissioni di CO2 , favorendo gli sviluppi della cogenerazione di calore geotermico e CO2,  per “fertilizzare” le colture in serra con la CO2.

L’ utilizzazione di “ CO2 come fertilizzante” della produzione orticola e di frutta,  consente di prolungare il periodo di produzione, accrescendo quindi la quantità di prodotti coltivati. Il livello normale di CO2 nell’atmosfera è di circa 350ppm. La ricerca su molte colture ha dimostrato che se il normale livello di CO2 è aumentato da 800 fino a 1000 ppm, da ignezione di CO2 in serre, si ottiene una maggiore crescita delle piante e la resa dei prodotti  viene notevolmente migliorata. Alcune modalita’ per  cui la produttività è aumentata dalla fertilizzazione con CO2 in serra, sono una fioritura precoce, i rendimenti più elevati di frutta, così anche ad es. il ridotto aborto di gemmazione delle rose, una migliore resistenza gambo dei fiori ecc. ecc. .Molti studi dimostrano che per ogni dato livello di radiazioni foto-sinteticamente attiva (PAR), l’aumento dei livelli di CO2 a 1.000 ppm aumenta la fotosintesi di circa il 50% rispetto a quando la concentrazione di CO2 è quella ambientale. Al crescere della concentrazione di CO2 in serra livello da circa 340ppm (parti per milione), fino ad es 1.300 ppm , si denota che aumenta proporzionalmente la fotosintesi producendo pertanto più zuccheri e carboidrati disponibili per la crescita delle piante e per la frutta in relazione ad un probabile abbassamento delle proteine.

La tecnologia di cogenerazione/fertilizzazione con CO2 viene proposta e sviluppata da EGOCREANET in area Geotermica Toscana in special modo per rinnovare il settore della serricoltura orto-frutticola ed del vivaismo di fiori e piante in serre, nelle quali la modulazione del calore e la immissione di CO2 in serra permette la coltura di ortaggi e piante anticipati, posticipati o fuori stagione, mediate un’ innovazione tecnico- scientifica basata sul controllo delle relazioni tra informazione epigenetica e genetica dei vegetali prodotti ed effettuata in modo da garantirne la qualita’ e la quantita’ nutraceutica della produzione di orto-frutta. E’ importante considerare che questa strategia consentira’ di proteggere le produzioni dai repentini cambiamenti climatici che causano abbassamenti rapidi ed improvvisi della temperatura che rischiano di bloccare le fioriture e che comunque abbassano la qualita’ e la quantita’ delle produzioni prodotte tradizionalmente . Per la maggior parte delle colture il punto di saturazione della fertilizzazione on CO2 sarà raggiunto a circa 1.000-1.300 ppm in circostanze ideali di luce. Un livello inferiore (800-1000 ppm) è raccomandato per aumentare piantine (pomodori, cetrioli e peperoni), nonché per la produzione di lattuga. Livelli ancora più bassi (500-800 ppm) sono raccomandati per violette africane e alcune varietà Gerbera. L’aumento dei livelli CO2 riduce il periodo di crescita (5% -10%), e permette di migliorare la qualità delle colture e la resa, così come, fa’ aumentare le dimensioni e lo spessore delle foglie.

La crescita della resa delle colture di pomodoro, cetriolo e pepe è il risultato di un notevole aumento del numero di foglie e della fioritura più veloce per pianta. Quando si aumenta in serra la concentrazione di CO2 durante il giorno, è necessario ricordare di areare la serra di notte per permettere una migliore respirazione delle piante.

ScreenHunter_201 Jul. 11 12.03

BIBLIO ON LINE :

Carbon Dioxide fertilisation: http://www.slideshare.net/buddy.tignor/carbon-dioxide-fertilization-181933

 

Sergio Stagnaro*

images

What does not destroy me, makes me stronger.
Nietzsche.

A partire dal novembre 2007, ho illustrato in numerosi articoli le basi della Semeiotica Biofisica Quantistica (1-10). Autorevoli peer-reviews e famosi siti mi hanno in seguito aiutato a diffondere questi sviluppi della semeiotica biofisica, che rappresentano uno strumento clinico nuovo, che ha ormai dimostrato di essere affidabile nella diagnostica, nel monitoraggio terapeutico e nella ricerca clinica.

Con l’impiego della semeiotica biofisica quantistica è possibile in pochi secondi, a partire dalla nascita del singolo esaminando, riconoscere numerose costituzioni, per esempio, cardio-vascolare, diabetica, oncologica, così come i relativi reali rischi congeniti, che predispongono ai rispettivi processi morbosi, accelerati ed aggravati dai fattori ambientali di rischio (11-13).

Ad iniziare dal maggio 2009, alcuni Commentaries sono stati messi in rete nel sito della International Atherosclerosis Society che mi ha richiesto un lavoro sul Reale Rischio Congenito di CAD (14, 15)

A questo punto, nasce spontanea la domanda sul reale motivo per cui le numerose Costituzioni Semeiotico-Biofisiche e i relativi reali rischi congeniti, conditio sine qua non, per esempio, del diabete e del tumore maligno, solido e liquido, riconosciuti al letto del singolo individuo rapidamente con un fonendoscopio a partire dalla nascita ed eliminati con non costosa Terapia Quantistica Mitocondriale Ristrutturante (29) non sono fatte conoscere ai Medici  dei Servizi Sanitari Nazionali.

Inoltre, la Medicina tradizionale, ortodossa, accademica, secondo la quale esiste soltanto la realtà locale nei sistemi biologici, non può fare luce su un grande numero di eventi biologici, come l’Esperimento di Lory (8), che ha portato alla nascita della Diagnostica Psicocinetica (30).

In realtà, in tutti i tessuti, accanto alla realtà locale esiste anche la Realtà Non Locale, come il mio amico Paolo Manzelli ed io abbiamo dimostrato in numerosi articoli (1-10).

Riconoscendo anche una Matrice Spazio/Temporale a 4 Dimensioni, in cui ci sono 2 SD e 2 ST, che forniscono una informazione simultanea, non regolata dalla vecchia, fuori moda, deterministica fisica classica, ma dalla evoluzione fisica quantistica (entanglement and disentanglement) noi finalmente possiamo comprendere perché, per esempio, la prima fase dell’attività ormonale è “simultanea” al reale inizio di qualsiasi stimolazione (per esempio, la pressione digitale intensa applicata sopra un osso, come il radio, è simultanea all’aumento di volume del pancreas, in risposta alla osteocalcina endogena!) (16).

La seconda fase dell’attività ormonale, di differente natura, è invece  causata dal legame dell’osteocalcina con il suo recettore, situato nella membrana esterna della cellula beta delle isole di Langherans (10, 21, 22).

In conclusione, l’umanità ha urgente bisogno di medici, editori e revisori dalla mente aperta, inevitabile condizione per i Progressi della Medicina (7, 24-28).

Realtà Non Locale e Realtà Locale nei Sistemi Biologici.

EntanglementEntanglement ? Ho chiuso gli occhi alla verità!“-Daniela Biganzoli(Dab)

Nel sito della Harvard University Press, è possibile leggere alla URL

“Most notably, Libet’s experiments reveal a substantial delay–the “mind time” of the title–before any awareness affects how we view our mental activities. If all conscious awarenesses are preceded by unconscious processes, as Libet observes, we are forced to conclude that unconscious processes initiate our conscious experiences”.

Ho inviato il seguente commento critico a Contact_HUP©harvard.edu, senza però ricevere alcuna risposta, nemmeno per motivi di buona educazione!  “Dear Sirs, in your wonderful website at the URL , I’ve just read “Most notably, Libet’s experiments reveal a substantial delay – the “mind time” of the title – before any awareness affects how we view our mental activities. If any conscious awareness is preceded by unconscious processes, as Libet observes, we are forced to conclude that unconscious processes initiate our conscious experiences”. Such as sentence is not right, from Quantum Biophysical Semeiotics view-point” .

Il mio commento critico cercava, purtroppo senza successo, di aggiornare sull’argomento i redattori del famoso sito della Harvard University Press.
Infatti, scrivevo che, prima di tutto con l’aiuto di questo strumento clinico, avevo dimostrato che è possibile, rapidamente e facilmente, valutare funzione e struttura dell’unità micro-vascolo-tessutale di ogni sistema biologico, incluso il cervello (14-23).

In secondo luogo, Benjamin Libet non poteva conoscere la Semeiotica Biofisica Quantistica, da me fondata nel novembre del 2007. L’Informazione-Energia (EI), secondo Paolo Manzelli, è simultanea e non trasmessa con perdita di tempo ed energia, come accade nei sistemi biologici identici dal punto di vista embriologico, sia nello stesso individuo sia da soggetto a soggetto (non necessariamente solo nei gemelli, come ho descritto nell’Esperimento di Lory), indipendentemente dalla distanza tra i due (1-13).

Per quanto riguarda la Medicina del futuro, cioè il Nuovo Rinascimento, è iniziato nel dicembre del 2010 a Riva Trigoso, ed è caratterizzato da una Biologia ed Semeiotica Fisica originali, che hanno reso possibile la Prevenzione Pre-Primaria, secondo la Manuel’s Story http://www.sisbq.org/qbs-magazine.html, e Primaria. In realtà, gli eventi biologici sono molto più complessi di quanto attualmente ammesso. Fortunatamente, la presenza della realtà non locale nei sistemi biologici (1-21), chiarisce i meccanismi fisio-patologici alla base degli avvenimenti riferiti sopra, finora sconosciuti oppure interpretati in maniera erronea, come gli esperimenti di Benjamin Libet’s (8).

Interessante il fatto che le conoscenze fondamentali, alla base della Semeiotica Biofisica Quantistica, indicano che in tutti i sistemi biologici, accanto alla realtà locale esiste la realtà non locale, dove la matrice spazio-temporale è ancora quadrimensionale ma con 2 D/S e 2D/T (1-11).

Come conseguenza di quanto appena riferito, questo tipo di informazione è “simultaneo” nello spazio e “ sincrono” nel tempo, come dimostra l’Esperimento di Lory (8). Detto brevemente, l’informazione risulta simultanea in un corpo umano distante chilometri dalla origine della informazione, la quale inizia quando l’esaminatore sta “pensando” di dare la informazione da eseguire. In altre parole il medico stimola “con il pensiero” i vari trigger-points.

A questo punto, non si comprende perché sia le numerose predisposizioni alle malattie, cioè le Costituzioni Semeiotico-Biofisiche-Quantistiche (11-15), come cardio-vascolopatia, diabete e cancro, solido e liquido, sia i relativi reali rischi congeniti, riconosciuti quantitativamente con un fonendoscopio in un secondo, a partire dalla nascita, sebbene accettate e diffuse attraverso un grande numero di famose peer-reviews, vengano praticamente ignorati dal Servizio Sanitario Nazional.

Inoltre, la Medicina tradizionale non è in grado di spiegare la maggior parte di eventi biologici, come l’Esperimento di Lory (8), a causa del fatto che essa conosce esclusivamente la Realtà Locale nei sistemi biologici.

In verità, in tutti i tessuti, accanto a quella locale esiste anche la Realtà NON-LOCALE, come Paolo Manzelli ed io abbiamo dimostrato in vari articoli (1-16).

Riconoscendo anche la Matrice spazio/temporale quadrimensionale, in cui ci sono 2D/S e 2 D/T, che fornisce l’informazione simultanea, non regolata dalla vecchia, fuori moda, deterministica, fisica classica, ma dalla evoluzione della fisica quantistica (entanglement e disentanglement) noi siamo ora in grado di comprendere il perché la prima fase dell’azione ormonale è simultanea al reale inizio di qualsiasi stimolazione. Per esempio, l’intensa pressione digitale (ca. 100 dyne/cm2) applicata sopra l’estremo inferiore del radio-ulna, oppure un processo spinoso vertebrale, risulta simultanea all’aumento dei diametri pancreatici, espressione della risposta pancreatica all’osteocalcina endogena!

La seconda fase dell’azione ormonale, di differente natura, è causata dal legame dell’osteocalcina con il suo recettore sulla membrana esterna delle cellule beta delle isole di Langherans (1-14).

Ne consegue che, per quanto riguarda la teoria di Benjamin Libet, illustrata specialmente in Mind Time: “The Temporal Factor in Consciousness“, alla luce della Semeiotica Biofisica Quantistica, bisogna riconoscere che è inevitabilmente necessaria una nuova interpretazione!

Infatti, nella corteccia parietale correlata al dito del piede che si muove dell’individuo soggetto dell’esperimento, anche se l’esaminatore sta soltanto “pensando” di dare il segnale per il movimento muscolare, per esempio l’alluce destro, la circolazione di base viene lievemente attivata, secondo il tipo I, associato.
Quando poi l’esaminatore dice al soggetto di essere pronto a muovere l’alluce destro contemporaneamente al segnale convenuto, la durata di AL + PL + DL aumenta immediatamente salendo a 7 sec.( NN = 6 sec.), secondo quanto è stato descritto a proposito dei “readiness potentials”.

Infine, subito dopo l’inizio del segnale, la Plateau Line sale al suo valore massimo, cioè 9 sec. . (11-13,17-20) (Fig. 1).

ScreenHunter_185 Jun. 03 19.32

Quando l‘esaminatore comunica all’esaminando di tenersi pronto a muovere l’alluce destro contemporaneamente al segnale convenzionale, immediatamente la durata di AL + PL + DL nella relativa sede della cironvoluzione pre-centrale sinistra aumenta 7 sec., analogamente a quanto si osserva nei “readiness potentials”. Infine, subito dopo l’inizio del segnale convenuto, l’incremento raggiunge il valore massimo di 9 sec.

Nel sano, la pressione digitale medio-intensa, applicata sopra l’area di proiezione cutanea della corteccia cerebrale parietale sinistra, provoca le fluttuazioni sia del terzo superiore sia del terzo inferiore dell’uretere: vasomotility e rispettivamente vasomotion. Se i valori parametrici di queste fluttuazioni sono trasferiti, magari mentalmente, sopra un sistema di assi cartesiani, il medico ottiene un diagramma ed un tacogramma, ricco di informazioni.

Psicocinesi e Semeiotica Biofisica Quantistica.

Il termine psicocinesi (dal greco “psyche” e “kinesis”), noto anche come telecinesi, si riferisce alla diretta influenza della mente sopra un sistema fisico che non si può assolutamente interpretare come dovuto alla mediazione di una qualsiasi forma di energia fisica nota.

Esempi di psicocinesi potrebbero essere la distorsione o il movimento di oggetti.
Lo studio di fenomeni psicocinetici è notoriamente un aspetto della parapsicologia.

Finora non esisteva una convincente prova scientifica a sostegno della esistenza della psicocinesi. Tuttavia, a mio parere, fondato però su una rigida interpretazione di esperimenti clinici di natura semeiotico-biofisico-quantistica, è giunto il tempo di cambiare l’errata idea in materia, come si legge avanti.

All’inizio dell’aprile 2009, ho iniziato una originale ricerca clinica, accogliendo come ipotesi 0 da falsificare, la possibilità che l’entanglement quantistico potrebbe permettere il collegamento stretto tra il paziente e il medico esaminatore, l’uno distante dall’altro anche molti chilometri, in modo che le modificazioni dei trigger-points nel primo (esaminando) potessero provocare identiche modificazioni degli uguali trigger-points nel secondo (medico esaminatore) e viceversa, secondo i dati di mie precedenti ricerche, iniziate con l’Esperimento di Lory (1-11).

Per esempio, l’intensa pressione digitale (1000 dyne/cm2), applicata sul precordio dell’esaminando, cioè sopra la proiezione cutanea del cuore, anche se lontano chilometri dal medico esaminatore, causa simultaneamente il riflesso gastrico aspecifico anche nel secondo, soltanto se l’esaminando è colpito da un qualsiasi processo patologico, come la CAD (4-6, 15).

Ne consegue che, mi sono sentito autorizzato a considerare questo fatto, di natura psicocinetica, nel senso che i trigger-points cardiaci del medico venivano “simultaneamente” stimolati, con il solo “pensiero”, nella stessa maniera di quella del paziente, provocando il riflesso cardio-gastrico aspecifico anche nel medico, e, fatto importante, mostrando valori parametrici identici a quelli presentati dall’esaminando per quanto lontano potesse essere dal medico: tempo di latenza, durata, intensità, ecc. In realtà, gli eventi osservati durante l’esperimento sono piuttosto complessi, ma completamente spiegati dalla Semeiotica Biofisica Quantistica (V. Avanti).

Muovendo da queste basi teoriche – ipotesi 0 da confutare – ho poi compiuto molti esperimenti finalizzati ad accertare cosa accade nel corpo quando stimolo differenti trigger-points di un individuo con il solo pensiero, cioè con la stimolazione eseguita mediante la mia mente sopra definiti trigger points di un ben definito soggetto, sia sano sia malato, anche se lontano chilometri da me, alla condizione che mi sia conosciuto fisicamente, magari attraverso una fotografia o un film, ignorando ovviamente le sue condizioni di salute. Naturalmente, io ho eseguito simili esperimenti su individui noti come malati, ma di cui era sconosciuta la precisa diagnosi!

Appare assai interessante il fatto che, corroborata la teoria, successivamente, sempre con il solo pensiero, ho applicato la stimolazione anche direttamente su limitate parti di un tessuto o di un ben definito sistema biologico e non sui relativi trigger points, al fine di ottenere una esatta localizzazione dell’eventuale malattia. Per esempio, io sono affetto da esiti di IMA in sede ventricolare sinistra inferiore; esclusivamente quando stimolo, usando solo il pensiero, la sede precisa della cicatrice esito dell’infarto nel ventricolo sinistro, il tempo di latenza del riflesso cardio-gastrico aspecifico scende a 3 sec., mentre è normale (NN = 8 sec.) il tempo di latenza del riflesso provocato dalla stimolazione di tutte le altre sedi cardiache.

Detto altrimenti, quando io applico “mentalmente” la pressione digitale sopra tutte le parti del mio cuore, eccetto la sede della cicatrice infartuale, il tempo di latenza è fisiologico: le mie coronarie in queste aree miocardiche sono fisiologicamente funzionanti, sia secondo i dati della coronarografia, sia in base ai dati semeiotico-biofisico-quantistici i soli che permettono di valutare il microcircolo coronarico! (1-15).

Nonostante alcuni errori umani e diagnosi tardive, almeno nelle fasi iniziali della malattia, come quelli fatti da Colleghi che lavorano in strutture ospedaliere, le interessanti diagnosi, successivamente corroborate dall’esame obiettivo diretto, dal laboratorio e dalla diagnostica per immagini, comprendono numerose patologie: influenza, pleurite, polmonite, Terreno Oncologico, cancro del seno, atrosi, ecc.

In altre parole, ho esaminato a distanza, utilizzando la diagnostica psicocinetica, 240 individui e ho fatto le diagnosi cliniche, in seguito corroborate dall’esame obiettivo diretto e/o dal laboratorio e/o dal dipartimento delle immagini, come possono volentieri confermare gli interessati.

Evidenze Cliniche a Corroborazione della Teoria Diagnostica Psicocinetica.

Prima di tutto, il lettore deve ricordare gli eventi microcircolatori alla base del precondizionamento semeiotico-biofisico-quantistico (6,11-15, 24-28).

Nel sano, il tempo di latenza di un riflesso, per esempio, il riflesso cardio-gastrico-aspecifico, direttamente correlato al livello di ossigenazione tessutale, nella prima valutazione è di 8 sec. esatti, ma, dopo 5 sec. esatti di interruzione a partire dalla fine della prima valutazione, sale a 16 sec., raddoppiando il valore iniziale, di base, in seguito alla fisiologica attivazione della locale Riserva Funzionale Microcircolatoria, sulla quale è fondato il Precondizionamento stesso.

Inoltre, nel nostro esempio, la stimolazione con pressione digitale “intensa”, applicata sopra la proiezione cutanea cardiaca (= Precordio), anche a distanza di molti chilometri dal medico, non provoca “simultaneamente” il riflesso gastrico aspecifico, sia dell’esaminato sia dell’esaminando (= lo stomaco mostra immutato il suo volume), che naturalmente si osserva dopo 8 sec. esatti con una durata fisiologica inferiore ai 4 sec., in accordo all’Esperimento di Lory (1-10).

A questo punto, se il medico applica realmente e per la prima volta, la pressione digitale di media intensità (500 dyne/cm2) direttamente sopra la sua proiezione cutanea del cuore, dopo esattamente 5 secondi dall’esperimento, eseguendo quindi il precondizionamento cardiaco (5, 6, 11, 12, 26, 28), il secondo tempo di latenza sale fisiologicamente a 16 sec. raddoppiando il valore basale, a dimostrazione della avvenuta stimolazione dei trigger points del cuore dell’esaminando e di quelli dell’esaminatore: la teoria diagnostica psicocinetica è corroborata.

Per riassumere brevemente, la stimolazione mediante il “pensiero”, cioè, “mentalmente”, indipendentemente dalla distanza che separa esaminando ed esaminato, crea la possibilità di realizzare il precondizionamento di qualsiasi sistema biologico, dimostrando pertanto la verità scientifica, senso e significato di questo tipo di diagnosi, realizzata per la prima volta.

L’originale metodo diagnostico è definito con il termine di Diagnostica Psicocinetica, che rappresenta lo sviluppo più notevole della semeiotica biofisica quantistica. Quando il medico “pensa” ad un noto soggetto (analogamente all’accensione della radio!), vale a dire, tenendo presente nella propria mente il soggetto da esaminare, a causa dell’ entanglement quantistico, essendo parte di un ologramma cosmico, può comunicare con l’individuo “pensato” e scambiare informazioni utili ed affidabili per la diagnosi ed il monitoraggio terapeutico (1-10).

A questo punto, fatto importante per la comprensione di quanto sopra riferito, bisogna considerare che se la Energia Vibratoria (= ATP) va riducendosi in uno oppure in entrambi gli individui così collegati, lo scambio di informazioni immediatamente si arresta.
Inoltre, va sottolineato che se il medico “pensa” l’esaminando come se fosse un individuo spregevole oppure se “finge” di odiarlo, la comunicazione tra i due non è possibile, secondo il mio parere, dimostrando che l’Informazione Energia è AMORE!

Da quanto sopra riferito deriva che, indipendentemente dalla distanza che li separa, quando il medico stimola col pensiero ben definiti trigger points dell’esaminando, la reazione dei relativi visceri, come il riflesso gastrico aspecifico, si manifesta simultaneamente anche nello stomaco del medico, mostrando identici valori parametrici.
Infine, interessante per comprendere la natura quantistica di questi eventi, se sia il medico sia l’esaminando non respirano (= Test dell’Apnea) riducendo significativamente il livello energetico tessutale, in conseguenza della alterazione dell’attività respiratoria mitocondriale, dopo appena un secondo, gli eventi sopra riferiti rapidamente cessano, mostrando la loro reale natura: diminuendo

l’Energia Vibratoria (=ATP) del corpo, di conseguenza anche l’ Energia Informazione, secondo Paolo Manzelli, si riduce rapidamente così che l’ entanglement quantistico si interrompe rapidamente dopo appena un secondo (= disentanglement) (1-10).

index

Bibliografia

1) Stagnaro Sergio e Paolo Manzelli. Semeiotica Biofisica: Realtà non-locale in Biologia. Dicembre 2007, ,
2) Stagnaro Sergio e Paolo Manzelli. Semeiotica Biofisica Quantistica.
3) Stagnaro Sergio e Paolo Manzelli, 09-1-2008, Semeiotica Biofisica Quantistica: la manovra di attivazione surrenalica jatrogenetica
4) Stagnaro Sergio. Pollio’s Sign in bedside Recognizing renal Cancer, since its initial Stage of Inherited, Oncological Real Risk. Sunday, March 22, 2009.
5) Stagnaro Sergio. La Diagnosi Clinica nella Semeiotica Biofisica Quantistica. 02-05, 2008,

6) Stagnaro Sergio. Semiotica Biofisica Quantistica: Diagnosi di Cuore sano in un Secondo in paziente distante 200 KM! , 07-05-2008

7) Stagnaro Sergio. Role of NON-LOCAL Realm in Primary Prevention with Quantum Biophysical Semeiotics. , 01 Feb, 2008-05-17
8) Stagnaro Sergio e Paolo Manzelli. L’Esperimento di Lory. Scienza e Conoscenza, N° 23, 13 Marzo 2008.
9) Stagnaro Sergio e Manzelli Paolo. Semeiotica Biofisica Quantistica: Livello di Energia libera tessutale e Realtà non locale nei Sistemi biologici. , 29 maggio 2008,
10) Stagnaro Sergio e Paolo Manzelli. Semeiotica Biofisica Endocrinologica: Meccanica Quantistica e Meccanismi d’Azione Ormonali. Dicembre 2007, ,
11) Stagnaro-Neri M., Stagnaro S. Introduzione alla Semeiotica Biofisica. Il Terreno Oncologico. Travel Factory, Roma, 2004.
12) Stagnaro S., Stagnaro-Neri M., Le Costituzioni Semeiotico-Biofisiche.Strumento clinico fondamentale per la prevenzione primaria e la definizione della Single Patient Based Medicine. Travel Factory, Roma, 2004.
13) Stagnaro S., Stagnaro-Neri M., Single Patient Based Medicine.La Medicina Basata sul Singolo Paziente: Nuove Indicazioni della Melatonina. Travel Factory, Roma, 2005.
14) Stagnaro Sergio. Stagnaro Sergio. Pre-Metabolic Syndrome and Metabolic Syndrome: Biophysical-Semeiotic Viewpoint. , 29 April, 2009.
15) Stagnaro Sergio. Stagnaro Sergio. CAD Inherited Real Risk, Based on Newborn-Pathological, Type I, Subtype B, Aspecific, Coronary Endoarteriolar Blocking Devices. Diagnostic Role of Myocardial Oxigenation and Biophysical-Semeiotic Preconditioning. , 29 April, 2009
16) Stagnaro Sergio. Il test Semeiotico-Biofisico della Osteocalcina nella prevenzione primaria del diabete mellito. Febbraio 2008.
e alla URL
17)Stagnaro S., Valutazione percusso-ascoltatoria della microcircolazione cerebrale globale e regionale. Atti, XII Congr. Naz. Soc. It. di Microangiologia e Microcircolazione. 13-15 Ottobre, Salerno , e Acta Medit. 145, 163, 1986
18)Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., Deterministic chaotic biological system: the microcirculatoory bed. Theoretical and practical aspects. Gazz. Med. It. – Arch. Sc. Med. 153, 99, 1994
19) Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., Auscultatory Percussion Evaluation of Arterio-venous Anastomoses Dysfunction in early Arteriosclerosis. Acta Med. Medit. 5, 141, 1989.
20) Stagnaro-Neri M., Stagnaro S. Indagine clinica percusso-ascoltatoria delle unità microvascolotessutali della plica ungueale. Acta Med. Medit. 4, 91, 1988.
21) Stagnaro-Neri M., Stagnaro S. Introduzione alla Semeiotica Biofisica. Il Terreno Oncologico. Travel Factory, Roma, 2004.
22) Stagnaro Sergio. Newborn-pathological Endoarteriolar Blocking Devices in Diabetic and Dislipidaemic Constitution and Diabetes Primary Prevention. The Lancet. March 06 2007. , and especially ,
24) Stagnaro Sergio. Bedside Biophysical-Semeiotic Osteocalcin Test in Diagnosing and Monitoring Diabetes. The Lancet, January 28, 2008.
See
25) Stagnaro Sergio. Comment to “Liz Wager: If comment is cheap why is peer review so expensive?”. , April 17th, 2009,
26) Stagnaro-Neri M., Stagnaro S., Deterministic Chaos, Preconditioning and Myocardial Oxygenation evaluated clinically with the aid of Biophysical Semeiotics in the Diagnosis of ischaemic Heart Disease even silent. Acta Med. Medit. 13, 109, 1997.
27) Stagnaro Sergio. Middle Ages of today’s Medicine, Overlooking Quantum-Biophysical-Semeiotic Constitutions and Related Inherited Real Risk. November 4, 2008.
28) Stagnaro Sergio. Role of Coronary Endoarterial Blocking Devices in Myocardial Preconditioning – c007i. Lecture, V Virtual International Congress of Cardiology, 2007.

29) Caramel S., Marchionni M., Stagnaro S. Morinda citrifolia Plays a Central Role in the Primary Prevention of Mitochondrial-dependent Degenerative Disorders. Asian Pac J Cancer Prev. 2015;16(4):1675. http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25743850[MEDLINE]

30) Sergio Stagnaro.  Semeiotica Biofisica Quantistica. Diagnostica Psicocinetica. E-book in rete nel sito  www.sisbq.org; http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/dp_libro.pdf

* Sergio Stagnaro MD
Via Erasmo Piaggio 23/8
16039 Riva Trigoso (Genoa) Europe
Founder of Quantum Biophysical Semeiotics
Who’s Who in the World (and America)
since 1996 to 2009
Ph 0039-0185-42315
Cell. 3338631439

iaconesi-e-persico-La-Cura-1078x516LA CURA“- http://www.la-cura.it

Questo libro non è rivolto in particolare a chi sta male ma rappresenta un insegnamento per chiunque. Il suo essere scorrevole, diretto, semplice, rende partecipe il lettore che entra in empatia con ciò che gli viene raccontato.

LA CURA” è la storia di un giovane uomo, Salvatore Iaconesi, ingegnere robotico, artista e hacker che scopre all’improvviso di avere un tumore al cervello, un evento drammatico che coinvolge di conseguenza anche  la moglie Oriana, coautrice di questo libro. La terribile scoperta lo mette di fronte ad una realtà crudele; non solo dover affrontare una gravissima malattia con l’impatto psicologico che ne consegue ma essere considerato dalle strutture sanitarie semplicemente un numero, senza considerare che un essere umano  proprio in certe circostanze necessita maggiormente di attenzioni. L’indifferenza dei medici nei suoi confronti che non lo guardano neppure negli occhi, gli rende ancora più insopportabile il percorso che dovrà affrontare, tanto da decidere di abbandonare l’ospedale e di riprendersi la propria umanità. Salvatore, sostenuto anche da Oriana, decide di ribellarsi a tutto ciò, e grazie alle sue conoscenze informatiche crea un sito, ”La cura”, dove pubblica la sua cartella medica chiedendo suggerimenti e aiuti, non solo a medici, ricercatori, scienziati ma anche designer e artisti, insomma a chiunque desideri dare un contributo. Io stessa ho risposto a questa chiamata esprimendomi come pittrice.(http://la-cura.it/espressioni/56d1504f0fd2d/  -Settimo Chakra )

Incredibile è il numero delle persone, più di un milione, che hanno collaborato portando la propria esperienza come malati, come medici o che hanno semplicemente aiutato con parole di conforto, con la loro presenza. Credo che l’unione di tante energie abbia sostenuto, dato coraggio a Salvatore ed Oriana che non erano più soli in questa lotta contro il male. Leggere, valutare, esaminare tutti questi messaggi è stato un lavoro immenso che ha dato però i suoi frutti perché dall’analisi di tutti questi dati ha preso vita il percorso che ha portato alla guarigione di Salvatore; un percorso non lineare, dove contributi differenti hanno lavorato in sinergia vedendo la guarigione da un punto di vista olistico e non solo riduzionistico.

Questa esperienza partita da un evento negativo ha saputo trasformarsi nel suo opposto tanto da generare anche un valore aggiunto, una nuova visione della vita interconnessa con il resto del pianeta. Le riflessioni generate da “La cura” hanno contribuito ad allargare gli orizzonti sulle diverse medicine e a farci comprendere che anche quando la malattia è grave possiamo guarire ritrovando la sintonia con l’universo, risuonando con lui.

http://www.la-cura.it

 sal_grazia

Agro-ecology: cattura biologica della CO2. (acronimo Bio-CCS)  per mitigare il cambiamento climatico mediante produzione di microalghe in area Geotermica Toscana

di Paolo Manzelli, <egocreanet2016@gmail.com>

ScreenHunter_184 May. 09 17.16

Problema strategico : sviluppare attivita’ preparatorie per azioni di contrasto e adattamento ai cambiamenti climatici promuovendo la conservazione ed il sequestro del carbonio  mediante la produzione agricola di prodotti biologici ad alto valore aggiunto .

Premessa :

In tutto il mondo sta crescendo il riconoscimento  del fatto che le microalghe sono tra i sistemi biologici più produttivi per la generazione di biomassa per ottenere , bio-fertilizzandi, bio-energia e  alimenti nutraceutici , la cui produzione  permette la cattura biologica per fotosintesi di grandi  masse di CO2.

Infatti la capacità delle micro-alghe, di migliorare il sequestro di carbonio che ha un rendimento fino al 90% , è stata segnalata in vari rapporti ed articoli. (1) La  Carbon Capture and Storage (CCS-Bio) tratta di metodi biologici per mitigare il cambiamento climatico mediante l’immagazinamento della CO2  dall’atmosfera utilizzando tecnologie di conversione in biomassa dei depositi sotterranei in area geotermica .

Tale strategia di innovazione Agraria, basata sugli sviluppi della serricoltura in area geotermica, è stata individuata da Egocreanet e collaboratori, facendo  seguito ai criteri  di innovazione strategica ampiamente condivisi, durante il Seminario di Studi ai Georgofili del 30 Marzo 2016. Essa consiste nella produzione di microalghe, in serre riscaldate da vapori geotermici, in modo , che rispetto alla tradizionale produzione agricola e forestale, permettano la creazione di una biomassa a rapida crescita ed estensione, necessaria per assorbire ed organicare CO2 in grandi quantita’, e trasformarla in prodotti dietetici e salutistici, quali integratori  e fortificatori alimentari ( es.  formaggi, tagliatelle, insalate, frullati, dolci, gelati e birra ecc ) sia per uomini che per gli animali ( in particolare integratori per mangimi di pesci e per la produzione di carni ad elevata qualità nutraceutica ) .(2)

La nuova tendenza di produzione alimentare di prodotti dietetici e salutistici.

Moltissimi studi di innovazione alimentare, hanno dimostrato che le micro alghe posseggono un elevato contenuto di sostanze nutraceutiche che sono  il complemento idoneo per una dieta sana e longeva.

In particolare la microalga “spirulina” è  ricca di fibre,  polifenoli e  vitamina C,  in quantità superiore rispetto alla frutta e verdura ed inoltre contiene amminoacidi ed  Omega 3 ,un acido grasso essenziale per il nostro benessere. Le microalghe sono anche una promettente fonte futura per nuovi prodotti agricoli funzionali alla salute, infatti sono in fase di sviluppo ricerche per ottenere la produzione alternativa di olii vegetali  da  microalghe con elevati valori nutrizionali ed ad un costo sostenibile. (3)

 Il 06 Maggio 2016 è stato pubblicato sul BURT della Regione Toscana il Bando 16.1 per la formazione di GRUPPI OPERATIVI- PEI-AGRI .(3)  Allo scopo di collaborare alla formazione di Gruppi Operativi in Regione Toscana, EgoCreaNet (ONG c/o Incubatore della Universita’ di Firenze) nel suo ruolo di “Infobroker”, fornirà alle imprese agricole sensibili alle problematiche di innovazione strategica riguardanti  principalmente le seguenti tematiche:

  • 3) Azioni di contrasto e adattamento ai cambiamenti climatici promuovendo la conservazione ed il sequestro del carbonio nel settore agricolo e forestale
  • 16) Sviluppo verso prodotti dietetici e salutistici.

le informazioni utili a indirizzate l’ innovazione di imprese agricole e forestale verso i piu’ recenti sviluppi a riguardo della selezione ed utilizzazione ottimale delle specie di micro-alghe utilizzabili per la produzione sostenibile di prodotti alimentari e dietetici salutistici, coadiuvando le imprese partecipanti al GO-PEI-AGRI attraverso l’esplorazione delle direzioni future di business agro alimentare basato sulle microalghe, suggerendo  sia le tecniche di ingegneria metabolica che le strategie di coltivazione. (4)

Per attivare tali utili collaborazioni suggeriamo di inviare una email a :<egocreanet2016@gmail.com>

BIBLIO O LINE

(1)-http://bioscience.oxfordjournals.org/content/60/9/722.full; http://www.theguardian.com/environment/2009/jun/28/china-algae-carbon-capture-plan;

http://www.incaweb.org/green/n0026/pdf/alta/Green26-Barbato%20et%20al%20(300dpi)%20.pdf;

http://www.enea.it/it/pubblicazioni/EAI/anno-2013/biotecnologie-per-lo-sviluppo-sostenibile/le-microalghe-come-bio-fabbriche-per-composti-ad-elevato-valore-aggiunto;

https://www.runtastic.com/blog/en/nutrition-wellness/the-5-must-know-food-trends-in-2016-from-algae-to-barley-grass/; https://stefanomarini73.wordpress.com/2014/02/08/abbassare-il-colesterolo-con-la-spirulina/

(2)- Egocreanet : Seminario di Studi ai Georgofili:

http://www.georgofili.info/evento.aspx?id=2591;

http://www.caosmanagement.it/404-toscana-geotermia

(3)- http://www.enea.it/it/pubblicazioni/EAI/anno-2013/biotecnologie-per-lo-sviluppo-sostenibile/le-microalghe-come-bio-fabbriche-per-composti-ad-elevato-valore-aggiunto;

http://www.fondazionesvilupposostenibile.org/dtl-1464-Olio_vegetale_da_microalghe,_progetto_Algasoil?cid=478450; http://www.algasoilenergoil.it/ ;

https://www.wageningenur.nl/en/show/Development-of-production-methods-for-edible-oils-from-microalgae.htm; http://www.foodnavigator-usa.com/Suppliers2/Solazyme-algae-oil-The-next-big-healthy-cooking-oil; http://www.foodnavigator-usa.com/Suppliers2/Solazyme-to-launch-algae-butter-in-early-2016;:http://www.algainenergy.com/ita/fotobioreattori-industriali.php; https://www.facebook.com/Algain-Energy-srl-132076250234189/

(4) – )- Bando della REGIONE TOSCANA 16.1 , Gruppi Operativi  (Scadenza 11-LU.2016):

http://www.regione.toscana.it/-/psr-feasr-2014-2020-bando-sottomisura-16-1 ;

 

cenacolo_750“L’Ultima cena” di Leonardo da Vinci

Leonardo da Vinci fu artista, ingegnere,architetto, scienziato, filosofo, anatomista,  insomma un genio!!! La sua visione olistica lo rende un precursore dell’odierna “Scienza della complessità” dove ogni disciplina è complementare all’altra; una scienza severa ma lontana da quella odierna riduzionista, una scienza che considera la Natura come modello.

Il pensiero di Leonardo, dopo secoli, è ancora così attuale e affascinante da stimolare continue riflessioni.Impossibile resistere al suo fascino.Spesso leggendo la sua vita ho immaginato il suo lavoro nel periodo trascorso a Milano, nella mia città e ho fantasticato su ciò che dovette pensare  Leonardo una notte, ammirando il cielo stellato di Milano.

“Dio concedi altri anni alla mia vita, dammi la possibilità di capire, di sperimentare, di conoscere questo tuo meraviglioso mondo.

Mi trovo in questa magnifica città, ricca di canali tanto da sembrar Venezia, che mi ha accolto con amore ed entusiasmo e che pare capirmi più di Firenze, grazie alla sua modernità. Voglio lasciarle un’impronta indelebile, grande, talmente emozionante che le generazioni future, pensando a Milano, la associno a me.

Quanti progetti affollano la mente, incontenibili, pressanti ma al tempo stesso affascinanti. Tanti, troppi per una vita soltanto; il tempo, questo tiranno, non mi permetterà di portarli tutti a compimento.

Dio, tu solo puoi fare che la mia mano, i miei colori, il mio pennello creino su quel muro qualcosa di magico che avvolga l’osservatore, che lo faccia partecipe di tutte le sensazioni che provo nel dipingere quest’Ultima Cena.

Quest’opera sarà grande, sarà diversa da tutte le altre, dovrà attrarre lo spettatore che penserà di trovarsi a quella tavola , di guardare negli occhi Gesù, così assorto, apparentemente indifferente. Come posso catturare l’anima di chi guarderà quest’opera?

La laboriosità di questa città mi dà entusiasmo, ma, nello stesso tempo, richiede la mia costanza nel lavoro. Perché  gli uomini non capiscono che l’Arte non può essere imprigionata in tempi definiti, ma deve volare libera, prigioniera del suo pensiero?

Volare? Sì, con le mie ali mi librerò alto nel cielo di Milano e da lassù guarderò quanto è bella. Ammirerò i suoi sontuosi palazzi, il suo Castello, le sue chiese, i suoi canali.

Tutto questo però, non sarà abbastanza. Eseguirò i più bei ritratti che si siano mai visti grazie alle mie nuove conoscenze. Trasformerò questa città dando moto nuovo ai canali, la allieterò con moderni strumenti musicali, con canzoni da me create, inventerò coreografie e costumi teatrali che la divertiranno. Costruirò macchine che la aiuteranno nel lavoro. Non ci sarà disciplina con cui non cercherò di arricchirla. E solo allora potrò dire:”Sei tu la mia città!”.

Come diventerà domani? Saprà ancora commuoversi alla vista di un capolavoro o al volo di un uccello. Comunque sarà, io le lascerò un segno tangibile della mia presenza nel suo cuore”.

di Daniela Biganzoli(Dab)

 VitruvianMan1000

 

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 66 follower