Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for febbraio 2021

BIOQUANTICA COGNITIVA

Il cardiologo Flavio Burgarella, autore di diversi libri, di cui consiglio la lettura dell’ultimo dal titolo “LA COSCIENZA É DOVE VUOI ESSA SIA” studia la BIOQUANTICA COGNITIVA e propone il suo metodo, Burgarella Quantum Healing (BQH)®.

Di seguito potete trovare le slides presentate giovedì scorso, durante una Community Online, che sono prese da un capitolo del suo precedente libro, LA MENTE PRESENTE E TRASCENDENTE

Read Full Post »

INTERAZIONI FONDAMENTALI

di Paolo Manzelli www.egocrea.net 

La Fisica da Newton (1660) ad oggi ( Modello Standard della Fisica ) ha sistematicamente tentato di unificare le quattro forze considerate come ” interazioni fondamentali” per descrivere le intensità e direzioni che  inducono numerose  trasformazioni di stabilità,  che correlano particelle ed energia nelle varie geometrie dello spazio tempo.

La prima forma di unificazione fu proposta da Maxwell (1878) il quale  unificò Elettricità e Magnetismo nel Campo Elettromagnetico come combinazione di “onde elettromagnetiche” . Lo spazio  tempo di riferimento è quello Tradizionale Euclideo (XYZ,T).

Contrari a questa unificazione di Maxwell furono molti scienziati del tempo che in analogia a quanto succede per le onde acustiche sostennero che era necessario ammettere l’esistenza dell’Etere a supporto del movimento delle onde.

Per affermare l’unificazione  tra Elettricità e Magnetismo su preso ad esempio l’ esperimento di Thomas Young (1801) un discepolo di Newton che cercò di confermare la natura corpuscolare della luce e che  invece mise in evidenza la doppia natura della luce di Onda-Particella mediante il suo esperimento sulla Doppia fenditura che fu poi riconsiderato dalla Fisica Quantistica dopo il 1900.

Albert Einstein con la scoperta dell’ “effetto fotoelettrico“, ottenuto tramite  l’emissione di elettroni da una superficie metallica, si comporta come quando questa viene colpita da una radiazione di onde elettro-magnetiche Ultravioletta che chiamò fascio di Fotoni.

Per interpretare tale equivalenza tra fotoni ed onde ettromagnetiche nel 1905 Einstein propose la “Teoria della Relatività Ristretta” che comporta la curvatura dello spazio tempo,  la quale corrisponde ad una dilatazione del tempo e alla contrazione della lunghezza dello spazio con l’avvicinarsi alla massima velocità della luce.

Questa teoria dava luogo al cosìdetto Paradosso dei Gemelli cosi che il Prof Minkowski , matematico che era stato docente di Einstein, propose una “deformazione geometrica dello spazio tempo” corrispondente all’interpretazione della Relatività Ristretta.

https://dabpensiero.wordpress.com/2021/02/01/spazio-tempo-una-questione-di-mentalita/

Einstein, ormai famoso, ricevette il Premio Nobel nel 1920 per l’ipotesi della Relatività Generale che comunque non ha mai trovato una coerente unificazione con l’evoluzione della Scienza della Meccanica-Quantistica ed in particolare con l’ Entanglement della Sovrapposizione Quantica introdotta nel 1935 da Erwin Schroedinger.

https://www.gsjournal.net/Science-Journals/Communications-Miscellaneous/Download/8124

Un secondo tipo di Unificazione delle Forze fu inizialmente pensato da Enrico Fermi (1935) quando sperimentò l’instabilità, fuori dal nucleo, dei Neutroni che hanno carica uguale a zero. Pertanto ritenne che la forza nucleare “debole” fosse da relegare alla sola instabilità del Neutroni, dato che essi divenivano “stabili” nell’ ambito della forza nucleare che tiene assieme i protoni per superare la loro repulsione tra cariche positive.

Successivamente fu condotta  a compimento l’unificazione tra Interazione Nucleare Debole e quella  Elettromagnetica nella “Teoria elettrodebole“, a nome di tre scienziati tra  cui il Fisico Pakistano  Abdus Salam, a cui fu assegnato il Premio Nobel per la Fisica nel 1979. La “Teoria Elettrodebole”  infine venne verificata nel 1983 al CERN di Ginevra come completamento dell’integrazione tra gluoni, responsabili della forza nucleare forte, e i bosoni W e Z, responsabili della forza nucleare debole.

In questo modo la “Forza Nucleare debole” è stata esclusa dal  Modello Unificato della Fisica, che ancora non riesce, nella sua ipotetica semplificazione, nel ridurre ad un solo tipo di Interazione tra energia e particelle, che  concettualmente è ancora basato sul vecchio modello del Biliardo  dove le palle e pallini si muovono essenzialmente per contatto.

Queste unificazioni trovano, nella complessità delle relazioni biologiche della vita, varie incongruenze causate da una scienza frazionata perchè altamente disciplinare e specialistica che rende impossibile la comprensione e la diffusione democratica delle sfide scientifiche e sociali di rinnovamento scientifico e sociale del futuro.

Infatti possiamo mettere in evidenza  che l’esclusione della Forza Nucleare Debole pone vari problemi nella formazione di legame delle molecole Biatomiche  come H2  nei quali si ricorre a forze intermolecolari (dette di : Wan der Walls) che inducono ad assumere  una improbabile polarizzazione reciproca tra molecole identiche. Il Fluoro, Cloro, Bromo e Iodio così formano un singolo legame, l’ossigeno O2, un doppio legame, mentre l’azoto biatomico ha un triplo legame, ed infine viene assimilato ad un legame chimico il “Ponte ad Idrogeno” che correla a distanza molecole di Acqua e anche le quattro  Basi costituenti il DNA.

Inoltre anche quando due lastre di atomi di rame si attraggono, in mancanza della “FND” a lungo raggio, si ricorre all’interazione  del Vuoto Quantico (effetto Casimir ) che si manifesta anche a livello di distanze nano-metriche

Infine, non sono da trascurare, altri fenomeni che dipendono dall’incompatibilità tra scienza quantica e la tradizione unitaria del Modello Standard della Fisica. Ad es., quando prendiamo in considerazione lo “SPIN”  che viene utilizzato nella Risonanza Magnetica Nucleare. Quando questa tecnologia (NMR) osserva le variazioni assorbimento energetico degli SPIN-quantici dei nuclei atomici, immergendo le molecole organiche in esame in un forte campo magnetico esterno, riduttivamente viene fatto  principale rifermento alle transizioni in particolari isotopi atomici come 1H ( Idrogeno = Prozio) che risponde al 90 % dello Spettro NMR e all’isotopo del Carbonio (13C) che nelle molecole organiche è indicato come il prevalente responsabile dello Shift-chimico causato dalla schermatura opposta del crescente numero degli Spin degli Elettroni .

http://venezian.altervista.org/Scienzarte/67._Spazio_Tempo.pdf

Ma quando prendiamo in considerazione la dinamica Bio-Magnetica della Emoglobina, nel metabolismo del trasporto dell’Ossigeno nel sangue, tale sostanza proteica tenuta assieme da uno ione Ferro, allora osserviamo che  nel rilascio metabolico delle quattro molecole di ossigeno, lo ione Ferro transea da (Fe2+ a Fe 3+ ), mentre l’ossigeno passa dallo stato di Tripletto a più bassa energia allo Stato eccitato di “Singoletto”;  allora la separazione  tra campo elettrico e magnetico ricompare,  ciò  in quanto  molti studi affermano che la combinazione dinamica di SPIN possa associarsi  all’influsso del Campo Magnetico Terrestre creando un “campo torsionale” del sistema di “Spin del Cuore” (Toroide) che agisce sulla nostra realtà emozionale e sul nostro comportamento consapevole.

Ma come avviene in molte altre evidenze scientifiche, quanto sopra detto viene  “escluso” parimenti alla FND,  dalle limitazioni imposte dalla Scienza orientata a unificare le quattro forze, la quale  tende sistematicamente a  mantenere Paradigmi e Modelli Scientifici derivati dalla Meccanica e dalla Quanto –Meccanica,  che in quanto obsoleti, creano più problemi di quanti ne possano risolvere aprendosi a nuove opportunità della creatività scientifica ed artistica del pensiero umano.   

Su queste tematiche pensiamo di poter organizzare un incontro EGOCREANET il 06-Marzo-2021 .

Coloro interessati a discutere di tale impostazione critica della Scienza Ufficiale sono invitati ad inviarmi un motivato E.Mail.  a < egocreanet2016@gmail.com > .

ADESIONE AL CLUSTER EGOCREANET:  https://www.egocrea.net/2020/12/13/adesione-al-cluster-egocreanet/

Read Full Post »

Allego le Slides relative all’incontro tenutosi l’11 febbraio su Come aumentare  le difese immunitarie del cardiologo Flavio Burgarella, autore di diversi libri, di cui consiglio la lettura dell’ultimo dal titolo “LA COSCIENZA É DOVE VUOI ESSA SIA”.

Slides:

Read Full Post »

di Paolo Manzelli www.egocrea.net .

La realtà scientifica del mondo invisibile è costruita su modelli mentali che definiscono il paradigma cognitivo di riferimento nel tempo e nello spazio, nel quale vengono collocate entità di “Forma-Pensiero”, come Nuclei, Elettroni, Spin, Atomi e Molecole … che corrispondono a costrutti mentali condivisi collettivamente nella Scienza.

Queste “Forme-Pensiero”, sono costruite a seguito della percezione strumentale di segnali elettromagnetici ad indice dell’esistenza di aggregazioni dell’energia, le quali vengono “formalizzate e nominate”, facendo ideale riferimento ad oggetti microscopici, resi virtualmente visibili oggettivandoli  come creazioni  simulate di “Forme-Pensiero” .

Questa moderna metodologia di interpretazione di segnali energetici, provenienti dal mondo invisibile, è stata utilizzata nella costruzione delle tecnologie scientifiche come la Risonanza Magnetica Nucleare, dai segnali elettronici di  “Spin” o l’Ecografia-3D da frequenze di ultrasuoni ecc..  , essendo stata definita sulla base di una immaginifica estensione delle capacità percettive e sensibili umane, proprie del mondo macroscopico, le quali vengono proiettare mentalmente sul mondo invisibile di dimensione micro ed ultra microscopica.

Come Egocreanet – Cluster pensiamo necessario prendere coscienza di modello mentale di costruzione delle Forme di Pensiero nelle conoscenze scientifiche contemporanee poiché questa costruzione di tipo oggettuale -meccanico della scienza necessita ancora di discuterne i limiti cognitivi, onde evitare conclusioni errate e spesso  limitate proprio da questo metodo immaginario del conoscere teso a rendere mentalmente simile al macrocosmo la realtà sensorialmente invisibile.

Lo SPIN Quantico ed il Principio di Esclusione come costrutto di “Forma-Pensiero”

La Quantizzazione dell’Energia risponde al principio di Max Plank (1900) che dice :  l’Energia (E= hV) non è  un continuo, ma procede per livelli valori discreti (E= hV) ; pertanto l’energia vibrazionale (“V”) può assumere  differenti valori per salti che sono  multipli di un quanto (“h”) elementare. 

In tale contesto cognitivo  Quantico, Wolfgang Pauli, propose l’assunzione del “Principio di Esclusione” (1925) , con il quale si afferma che due elettroni (ovvero anche i protoni in quanto possessori di carica elettrica) , essendo identici ed indistinguibili, non possono simultaneamente occupare uno stesso livello quantico,  così che, per differenziarli, W.Pauli assunse che tali quanti di rotazione angolare delle particelle potessero comportarsi  dualmente come fossero emessi da  un dipolo elettrico, relativo alla polarizzazione delle forze torsionali.  Di conseguenza tali gli “Spin” dovevano  essere  caratterizzati dal numero atomico semi-intero ( = ½ )

Lo “Spin” è  pertanto un indicatore quantico, che non corrisponde ad una realtà-macroscopica di rotazione fisica, ma che invece è derivato dalla necessità mentale di collocare gli elettroni e nuclei nei diversi livelli quantizzati dell’energia degli atomi.

 Lo “Spin” va pertanto  considerato come  una “Forma di Pensiero della Scienza Quantica”, che ipoteticamente corrisponde  al momento angolare di particelle puntiformi, che come ulteriore stato quantico, va a completare gli altri due principali indicatori della “ Quantizzazione dell’Energia Vibrazionale”,  che   vengono  caratterizzati dalle sequenze di numeri interi  ; “ N “ come indice dell’ampiezza della vibrazione ed  “M”  che è  relativo alla polarizzazione elettromagnetica delle vibrazioni.

Bisogna prendere atto che la “Quantizzazione degli Stati Energetici” corrisponde ad una finzione mentale ( che include “Forme di Pensiero”)  necessarie  per descrivere  la distribuzione energetica degli stati elettronici nella dimensione atomica, la quale  è composta al 99,9 % di “Vuoto” , dove al centro  c’è il Nucleo circondato da una nuvola di di elettroni che nel vuoto si muovono .

Lo “Spin” fu messo in evidenza come  “Forma Pensiero della Scienza Quantica”  al fine di giustificare il “Principio di Esclusione” che fu definito e discusso unitamente dal Fisico , Wolfgang Pauli e dallo Psicologo Carl Gustav Jung,  i quali concordarono che “ il pensiero  fisico e quello  psichico, sono entrambi componenti in-scindibili della descrizione mentale evolutiva della realtà degli eventi quantici” .

Le “Forme Pensiero Quantiche” hanno permesso la realizzazione delle molte moderne tecnologie di segnali di radiazione luminosa o di suono, tra cui hanno fondamento A)  Risonanza Magnetica Nucleare  e B) la Ecografia Tridimensionale .

A)- La Spettroscopia di “Risonanza Magnetica Nucleare” (NMR) è una tecnologia di indagine di grande impatto scientifico e sociale, che permette di visualizzare  dettagliate informazioni prodotte dalla stimolazione di segnali elettromagnetici derivanti dalle rotazioni di “SPIN” emessi dall’invisibile struttura molecolare dei composti  chimici o biologici presi in esame. La spettroscopia NMR misura l’assorbimento //desorbimento del momento di dipolo dello “Spin” , il quale provoca un contrasto fotografico “Luce-Buio” , dei segnali della radiazione elettromagnetica di molecole stimolate dall’immersione  in un forte campo magnetico. Questa variazione dell’assorbimento energetico avviene ad opera dei nuclei di particolari atomi,(tipicamente 1H o 13C  che hanno Spin Nucleare, non appaiato = semi-intero ), che pertanto si comportano come l’ago di una Bussola  che si muove per salti quantici di Spin, i quali vengono memorizzati da un computer e visualizzati in forme geometriche bi- o tri-dimensionali . Nel 1971 il Fisico  Raymond Vahan Damadian ipotizzo  che i tessuti biologici del Cancro avessero risposta più lenta nel tempo dei tessuti sani e che quindi  le differenze dello scanner NMR potevano essere ottimizzate per evidenziare la diagnosi del cancro.

B) La “Eco-grafia” è prodotta dall’ eco di ultrasuoni, non percepibili dall’orecchio umano, che attraversano un materiale chimico o biologico. I segnali sonori dell’Eco- vengono raccolti  differenziandoli in strati di differente intensità e quindi elaborati da un computer costruendo un risultato visivo sulla base della sovrapposizione di varie geometrie, rettangolare e trasversale, che nella loro successione temporale si presentano visibilmente come in un film. Pertanto la diagnostica Eco-grafica è divenuta uno strumento indispensabile delle applicazioni capaci di presentare una simulazione visibile di ciò che è  invisibile nella biologia ed in medicina

Queste ed altre applicazioni tecnologiche delle radiazioni luminose e sonore, si fondano su “Modelli e Forme Pensiero Quantiche” della Scienza contemporanea al fine di produrre simulazioni visibili di ciò che è naturalmente invisibile e insensibile ai nostri occhi ed orecchi.

Infine  il Cluster Egocreanet ritiene importante capire come  più ampie possibilità di conoscenza si aprano ed emergano dalla creatività umana scientifica ed artistica,  finalizzata a rimodulare ed innovare con maggior consapevolezza e coscienza I MODELLI MENTALI E LE FORME PENSIERO della Scienza contemporanea.

La ricerca di Neurologia Cognitiva del Egocreanet Cluster, basandosi sulla simultaneità quantica tra “onda e particella” pone in evidenza la necessità di accelerare l’integrazione tra la fisiologia del cervello con la scienza della psicologia dell’inconscio,   al fine di creare “Forme di Pensiero e Mentalità piu’ Evolute” , capaci di esplicitare  la sussistenza simultanea delle  due componenti sostanziali della Nuova Scienza Bioquantica ,1) quella energetica/materiale e 2) la sua componente riflessa simultaneamente  nella equivalente realtà della psiche umana.”

L’ obiettivo scientifico e culturale delle iniziative di Egocreanet –Cluster , nell’anno 2021,  sarà infatti indirizzato dalla sfida di Neurologia Cognitiva ,  tesa a comprendere , le Forme di Pensiero Bioquantico della Scienza.  08/02/2021. Firenze

Adesioni e Partecipazioni al CLUSTER – EGOCREANET :

https://www.egocrea.net/…/adesione-al-cluster-egocreanet/

Read Full Post »

La realtà virtuale

Allego le Slides relative all’incontro tenutosi giovedì 4 febbraio sulla Realtà Virtuale BQH del cardiologo Flavio Burgarella, autore di diversi libri, di cui consiglio la lettura dell’ultimo dal titolo “LA COSCIENZA É DOVE VUOI ESSA SIA”.

In questo incontro si valuta come la BQH Community Online possa rappresentare un campo morfico e le forme pensiero una rappresentazione della realtà virtuale con i rispettivi riscontri pratici (… tolgo il chiodo dal piede a distanza, Simona sente lo strappo, il dolore migliora…) che ci fa capire quanto siamo ancora agli albori per scoprire il rapporto mente, cervello, corpo, specie.

Slides

Read Full Post »

di Paolo Manzelli, www.egocrea.net – Firenze 31 GEN 2021

La strutturazione cerebrale dei differenti cronotopi dello //spazio-tempo mentale // rende coscienti gli atteggiamenti inconsci che determinano risposte emotive e comportamentali di ciascun individuo.

L’opportunità di cambiare la FORMA-MENTIS è decisiva per raggiungere coscienza del costrutto spazio temporale dei propri atteggiamenti mentali ,sia per renderli flessibili che per raggiungere alti livelli di autostima nel risolvere problemi innovativi, mettendo in discussione la propria staticità inerziale del costrutto mentale interiore di riferimento .

NEUROLOGIA della SALUTE MENTALE :

Matrix dello Spazio-Tempo della Mente Umana

1) Il cono dello spazio/tempo che si amplia verso il basso rappresenta il Passato visivo . (x ,y ,z ,t)

2) lo spazio/tempo piatto bidimensionale sia nello spazio che nel tempo rappresenta l’istante Presente (X,Y,t1,t2) .

3) il cono che si dirige verso l’alto rappresenta il Futuro (X,t1.t2.t3), dove lo spazio è monodimensionale e tre sono le componenti temporali.

LO SPAZIO/TEMPO MENTALE .

Nel disegno (spazio tempo di Minkowski) , viene descritto il modello delle relazioni :

 “Presente Passato e Futuro”, relativo alle possibilità di variazione dello spazio/tempo virtuale interiormente rappresentato nella nostra //mente / .

A)se quindi indirizziamo l’ “Attenzione” all’istante Presente, lo schema diventa duplice del tempo in una proiezione dello spazio bidimensionale.(X, Y. t1,t2), dove il tempo è “Ciclico” determinato dalla sequenza Luce-Buio determinante nella vita umana. Così che il Presente istantaneo diviene rappresentato da un fotogramma piatto nello spazio e nel tempo della realtà transitoria che congiunge simultaneamente Passato e Futuro.

B ) ovvero se indirizziamo la nostra”Intenzione” verso la memoria della costruzione visiva del Passato, allora la dimensione tridimensionale del cono dello Spazio Tempo, diviene simile a quella del sogno-REM, che esplicita la costruzione cerebrale dell’ologramma visivo tridimensionale costruito (x,y,z ,t ) relativamente ad una successione del tempo lineare .

C) oppure se volgiamo la nostra mente intuitiva, verso diverse prospettive del Futuro, in tal caso le linee prospettiche del tempo di differenziano e si ampliano in molteplici dimensioni ( … a breve o medio o lungo termine), mentre la dimensione dello spazio rimane univoca (t1,t2.t3,X)

UNA QUESTIONE DI MENTALITA’

I tre Costrutti C).B).A). sono relativi al prototipo dello Spazio/Tempo Mentale e di conseguenza hanno attinenza con le tipologie di atteggiamento attitudinale delle persone.

C)- I soggetti sono predisposti a guardare verso il Futuro.

1) – gli Artisti con una visione fantasiosa a lungo termine .

2) gli Scienziati che sono impegnati nell’innovazione del sapere a medio termine

3) i Managers sono attenti a realizzare un cambiamento-organizzativo, orientato ad indurre cambiamenti a breve termine.

B)-  Coloro che prediligono un atteggiamento indotto dalla ricerca di sicurezza prediligono mostrare un carattere conservativo rivolgendo la visione mentale verso il Passato.

A)- Mostrano un atteggiamento mentale Pragmatico coloro che evidenziano una necessità di simultaneo adattamento rivolto alle situazioni e agli accadimenti del Presente.

—-

—> Infine la Capacità di non immobilizzarsi nelle “FORMA-MENTIS” standard delle precedenti attitudini mentali è  indice di flessibilità neuronale e di ampiezza evolutive dell’intelletto, necessaria ad un comportamento sensibile ed intelligente.

Paolo Manzelli 31.01.2021 -Firenze. http://www.egocrea.net .Mobile: +39/335-6760004; SKIPE “manzelli3”

Read Full Post »