Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for giugno 2020

di Paolo Manzelli

Einstein 1915. L’azione a distanza NON è considerata scienza dalla Fisica che, nel Modello Standard, prevede che l’informazione sia sempre trasportata ed attuata per contatto (del tipo chiave/serratura)  tra una fonte di emissione ed un ricettore. Infatti non hanno basi scientifiche  tradizionali la telepatia, l’empatia, l’omeopatia ecc..Questa idiosincrasia di intolleranza scientifica per l’azione a distanza, ha prodotto un reiterato impegno della tradizione scientifica, che è stato teso ad eliminare la FORZA NUCLEARE DEBOLE COME AZIONE A DISTANZA . (FND)

Nel 1979 Abdus Salam ed altri  scienziati della Scuola internazionale di Fisica di Trieste  presero il premio Nobel della Fisica sulla //Interazione Elettrodebole // che unifica il modello della FNForte con la Forza elettromagnetica alle alte energie, così da sostituire la FND dal novero della quattro forze fondamentali.

Molte evidenze della chimica non si adeguavano a tale impostazione del Modello Standard della Fisica.Ad es. due atomi di idrogeno pur essendo neutri,  prima di formare il legame molecolare (H2), si attraggono a distanza. Tale azione a distanza  sarebbe facilmente attribuibile alla FND, ma invece si preferì cambiargli il nome e trattare l’attrazione a distanza come una generica forza attrattiva debole  e a volte espulsiva, denominata //Forza di van der Waals // che agisce a distanza per attuare la formazione di molecole di atomi uguali come O2,N2,Cl2, ecc.Questa reiterata volontà della Fisica nell’eliminare l’azione a distanza dalla struttura di pensiero dominante della scienza fisica, condusse Einstein  a pronunciare la frase che dice che l’attività a distanza è un’azione spettrale che non appartiene  alla scienza.Einstein si espresse così anche se  prima teoricamente, poi sperimentalmente, si dimostrò che  l’ENTANGLEMENT QUANTICO  PRODUCEVA UNA TRANSFORMAZIONE  DELLA COMUNICAZIONE DI INFORMAZIONE  A DISTANZA  creando Campi quantici estesi di integrazione tra  energia ed informazione. Recentemente ci siamo accorti che i Virologi non sembrano essere a conoscenza di questa assurda idiosincrasia della scienza tradizionale per tutto ciò che implica trasferimento di energia ed informazione non solo per contatto ma anche a notevole distanza.  Riflettiamoci !!!!!!!!

EntanglementENTANGLEMENT? HO CHIUSO GLI OCCHI ALLA VERITA’! ” 
Daniela Biganzoli(Dab)
Acrilico su tela – 90×90 – 2013
NB. Infatti  quando con il covid 19 si tenta di definire la distanza di contagio ( un metro circa) ci si affida alla portata meccanica delle goccioline di trasporto per attuare il  contatto dell’ente di trasporto visibile.
Il fatto che il corona virus, sia di dimensione invisibile,  di 80/100 nm   e che pertanto il virus possa comunicare per tramite una trasmissione a distanza non più effettuata per semplice contatto  dell’informazione genetica, certamente tale ipotesi viene considerata una probabilità non inclusa nei criteri della scienza dominante la quale permane  limitata  al metodo tradizionale del contatto ravvicinato, che è l’unico considerato sensato dal paradigma scientifico dei virologi e degli scienziati rimasti chiusi mentalmente nel quadro del Modello Standard della Fisica.
 Paolo Manzelli www.egocrea.net.

 

Read Full Post »

di Paolo Manzelli

Delle quattro forze fondamentali in natura la FND è complementare alla Forza Nucleare Forte (FNF) che è una forza attrattiva che agisce a distanza.La FNF agisce nel compattare  (entro la distanza di 10/-13) il nucleo composto di protoni con carica (+) e neutroni con carica (0) evitando pertanto la repulsione tra i protoni del nucleo.                  I neutroni aumentano quindi la stabilità del nucleo e, se vengono espulsi dal nucleo radioattivo,  decadono trasformandosi in Protone + elettrone + neutrino.
Dalla loro scoperta, Enrico Fermi (1935) ridusse la Funzione attrattiva a distanza della FND  relegandola alla spiegazione della  trasformazione  del /decadimento -beta / del Neutrone in Protone, di conseguenza dimenticando la funzione attrazione a distanza  della FND che agisce nel mantenere la coerenza di struttura degli atomi del sistema Periodico di Mendeleev e che inoltre va ad agire a distanza più ampia anche nella formazione di aggregati intramolecolari e nella formazione dei ponti ad idrogeno.
Purtroppo il /Modello Standard della Fisica/ descrive solo tre delle quattro forze fondamentali…………………così che la FND viene sostanzialmente negletta come forza che si esprime come attrazione nucleare debole ad ampia distanza. Il problema della difficoltà di misura  della FND nasce dal fatto che i nuclei atomici contengono stabilmente neutroni i quali avendo carica neutra non sono trattabili da campi elettromagnetici così da per poter fare misurazioni dirette della FND e pertanto si preferisce non prenderla in attenta considerazione al fine di non  porre in discussione il Modello Standard su cui è costruita la fisica  che include la FNF, già abbastanza complicata, ma troppo importante per manipolare l’atomo e realizzare la Bomba Nucleare ad Idrogeno.
Paolo Manzelli www.egocrea.net
vedi : Forza nucleare debole  in :

Read Full Post »

Trittico ok

Daniela Biganzoli (Dab)

Trittico – Acrilico su tela-70 x 150 – 2020

 

L’opera vuole rappresentare i sistemi complessi che sono sistemi nei quali le singole parti che li compongono sono semplici ma interagendo  tra di loro danno luogo a un comportamento molto più complesso, non lineare. Sono dotati di organizzazione propria e capacità di adattamento, interagendo con l’ambiente circostante; sono sistemi aperti. I fenomeni naturali in genere sono molto più complessi di quello che possono sembrare. Alcuni esempi di sistemi complessi sono gli stormi di uccelli, le farfalle e gli sciami d’api che ho cercato di rappresentare nella mia opera e che riguardano la biologia.

I sistemi complessi però possono riguardare anche l’economia. Entrambe le discipline  si procurano risorse dal mondo esterno, lo influenzano e ne sono influenzati. Inoltre presentano entrambe una struttura gerarchica interna:tessuti, organi, organismi per la biologia; industrie,banche, mercati finanziari per l’economia.

L’emergere di comportamenti collettivi nel mondo animale, ad esempio un gruppo di uccelli in volo, mostra interessanti analogie con l’evoluzione delle proprietà a livello aggregato dei sistemi economici, ad esempio, le fluttuazioni del reddito o il crash di un mercato finanziario.

Lo studio dei sistemi complessi permette di capire la semplicità nascosta dentro la complessità apparente. Galileo studiava il pendolo considerandolo come un sistema isolato; lo scienziato di oggi deve invece considerare che viviamo in un universo dinamico, dove tutto è connesso e regolato da leggi non lineari.

Read Full Post »