Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for luglio 2012

di Paolo Manzelli

(da http://www.tripadvisor.it/Attraction_Review-g187895-d242857-Reviews-Palazzo_Medici_Riccardi-Florence_Tuscany.html – Cortile di Palazzo Medici Riccardi)

The old Florentine Renaissance was a explosion of social creativity base in the science and art integration of the Era of craftmanship’s development of production .

After the Industrial society split the multiple faces of sharing together science and art of the Italian Renaissance.

The first Economist Adam Smith (1780) wrote a book titled  “System and Aesthetic ” remembering the driving importance of Art in promoting science in society. But after during the subdivision of knowledge in discplines and  in specific professions both determined the decline of the era of the craftmanship, and at the same time the divorce between science and art.

So that during the industrial society the binomial Art & Economy remain limited to the “Ecomomy of Art Selling” e.g a merchandising work based on a critical market analysis of ART-ECONOMY, where the art is considered a form of investment.

So that  art-economy become till today a specific field to define the the price of paintings, or music, or other artistic performances, in order to understand  the rate of return on investment in works of art.

In that industrial epoch the artists have become interested to  market the art-work and so become largely insensitive to  the economic problem associated to the cultural development of creativity.

Only more recently John Kenneth Galbraith wrote a paper on Art in The Liberal Hour, 1960,  dealting  with a different approach between economics and Art implementing two interactive ways between art and economy  to connect the qualitative beautifullness of art to sustain the quantitative economy of the global market .

Starting from the third millennium the reationship between economy and science and art iniciate to develop a big  changement.
The development of ecomomy grow up rapidly across post-industrial societies worldwide, the new socio -economic goal is now the connstruction of   Knowledge Society.  So that the creative industries are increasingly seen art as a new key factors that can become an new economic driver of innovation of  products and new production methods in the general context of ECOCOLOGY  & ECONOMY inytegrated development.As a matter of facts, creative industries, look to overcome the very high expenses of publicity, that are a method of conditionig people through mass media and TV, to buy products advertised by a not interactive reclams, usefull  for promoting a quantitative selling of their products.
So that creative industry get no satisfation in the promotion of their production based on an high quality, by the use the advertising proposed by the masmedia and TV, this because they  are very costly and founded on the principle of quantitative  consumism.  Creative industri as well as Quantum Artists both lookforward to enhance  an high responsability to develop innovation within a conscius need of change of the old methods to spend money that has generated the deep economic-crisis where we are living.

Therefore Quantum Art Group in Italy (QAGI)  recently  start to propose a diverse concept advertising, based on the sustainment of creative industry through the activities of contemporary art, design, music, and performing arts, renovating the relationship between art and creative development as happen in the era of Florentine Renaissance.

The ECO-ECONOMY strategy proposed by QUAGI//EGOCREANET will be proposed at the Conference 2012, organised  the 14th DEC . 2012, c/o the Prestigious hall of LUCA GIORDANO of the Province of Florence,  within one of the principal aim of such cultural initiative that is focused on to share the economic way to overcome the absurd expenses in often stupid and expensive advertising .

The organizators of the Florence Conference 2012 on the issue of NEW HORIZONS OF QUANTUM ART ask to all  creative industry to collaborate with Quantum Art movement, to agree about the opportunity to develop a new way for implenting creativity and innovation in order to advance in the potential to create wealth and employment through the development of a new world wide Renaissance .

So please remember  the date to participate to the Conference “NEW HORIZON OF QUANTUM ART : ART as the Driver of Eco- Economy. 14/DEC/2012 in  FIRENZE “.
Annunci

Read Full Post »

(da http://www.flickr.com/photos/iceninejon/292864301/)

Il Convegno su FUTURE HORIZON OF QUANTUM ART si terrà a Firenze il 14 dicembre 2012 nella prestigiosa sala Luca Giordano a Palazzo Medici Riccardi, sede della Provincia di Firenze.

Questa conferenza co-organizzata da: QAGI /EGOCREANET / IUF valuterà la possibilità di arrivare ad una profonda innovazione dell’eco-economia, grazie al movimento internazionale Quantum Art.

La scelta della location non è casuale ma nasce dall’idea  che questo radicale cambiamento debba essere un Nuovo  Rinascimento Fiorentino. All’epoca non esistevano confini fra le varie discipline e Arte e Scienza erano complementari, dando vita a opere uniche per la loro bellezza e profondità. Come nel passato, dopo un lungo periodo di decadimento, l’arte fu il linguaggio più utilizzato per trasmettere cultura nel mondo, così oggi QAGI (QANTUM ART ITALY) , stimolando riflessioni e creando mutamenti significativi e profondi, vuole ritrovare quel dialogo perduto tra Arte e Scienza, e divenire vettore  ideale per trasmettere una nuova coscienza, partendo proprio da Firenze.

In particolare siamo lieti di ringraziare il Dott. Delio Niccolai della Provincia di Firenze , che a Nome del Presidente della Provincia di Firenze,  ha saputo recepire la necessità impellente di dare sviluppo ad una svolta nel tradizionale pensiero scientifico ed artistico, e pertanto ha reso  disponibile la meravigliosa sala Luca Giordano in un ambiente che è stato la fonte del Rinascimento.

L’attuale visione del  mondo, purtroppo ancora legata  ad un’interpretazione meccanicista della natura e dell’evoluzione, nata nel 1600 con Cartesio, è basata sulla competizione anzichè sulla collaborazione creativa tra i popoli. L’uomo competitivo, massima espressione dell’evoluzione, falsamente si crede padrone del mondo, sfruttando la natura e la vita come meglio crede gli convenga.  La Scienza oggi superando la visione meccanica lineare nel tempo, con le nuove Teorie dei Sistemi, del Caos, della Complessità e, infine, la Teoria di Gaia ci mostra invece chiaramente un universo dinamico, dove tutto è interconnesso e regolato da leggi non lineari la cui casualità è statistica. Diviene evidente che il modello meccanico lineare nel tempo, ormai non è più adatto a descrivere il mondo secondo gli attuali dati osservabili. Un cambio di paradigma è quindi inevitabile. Il mondo non è più concepito come una “Macchina” ma come” un sistema vivente complesso“, pertanto non prevedibile linearmente da sistemi di causa ed effetto,  dove l’uomo con la sua creatività ed innovazione è parte integrante di tutto il sistema. Persino i mercati finanziari vengono studiati dall’Econofisica, come  sistemi complessi. In cosa consistono esattamente? Sono sistemi nei quali le singole parti che li compongono sono semplici, ma interagendo tra di loro danno luogo ad un comportamento molto più complesso, non lineare e auto-organizzato. Un esempio può essere quello delle formiche, le cui colonie rappresentano un “sistema complesso” ben organizzato, mentre la singola formica rappresenta un “sistema semplice”. Il tutto in ogni sistema vitale, infatti, non è sempre la semplice somma delle parti.
L’economia, come la biologia, si procurano risorse dal mondo esterno, lo influenzano e ne sono influenzate. Inoltre presentano entrambe una struttura complementare fatta da tessuti, organi, organismi per la biologia; mentre l’insieme economico opera similmente attraverso industrie, banche, mercati finanziari.

Quindi oggi è importante chiederci cosa è utile in un insieme che vale non solo  per il sistema ma anche per l’uomo nella sua essenza di protagonista della storia umana , e ciò comporta la modifica dei nostri stili di vita per la diffusione di una mentalità coerente di pace e di rispetto verso le altre forme di vita, che attualmente consideriamo quantitativamente come fossero  risorse di esclusivo ed assurdo valore economico-monetario. Quantum Art, attraverso una sinergia tra Arte e Scienza, si impegna in questo cambiamento che l’attuale crisi ha reso ormai evidente ed impellente, cercando anche collaboratori pronti a condividere questa visione del mondo che nel suo complesso definiamo essere quella della ” ECO-ECONOMIA“.

(immagine tratta da http://www.lsgobetti.it/scambio/3a_a_scambio_ungheria/Palazzo_Medici_Riccardi.htm)

Read Full Post »