Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 4 gennaio 2009

Nasce a Firenze al Meeting del 20-21 dicembre 2008, a Palazzo Strozzi, la VIRTUAL ENTERPRISE denominata “CREATIVE CLASS-NET”, che si propone di realizzare nel 2009, anno Europeo dedicato alla Creatività ed Innovazione, una serie di progetti ed iniziative dell’OPEN NETWORK FOR SCIENCE & ART (ON-NS&A).

Con Creative Class-Net si è pensato alla formazione di una nuova classe dirigente per il superamento della crisi attuale, che non utilizzi il vecchio sistema economico, ma che introduca un’effettivo cambiamento socio-economico (es.:diminuzione della pubblicità per aumentare  al contrario iniziative culturali della Scienza e dell’Arte), per valorizzare progetti di utilità sociale e d’ innovazione produttiva scientifica e culturale. Per  maggiori informazioni su questa importante iniziativa vi rimando alle parole del Dr. Paolo Manzelli.

Annunci

Read Full Post »

sonno-immagineQuante volte ci è stato detto : “Dormici sopra e domani mattina avrai le idee più chiare? ”
Oggi più che mai queste parole assumono un significato anche scientifico.
Da ricerche recenti sembra  infatti, che il cervello durante il sonno elabori le informazioni ricevute durante la giornata non limitandosi a rinforzare i ricordi emotivamente importanti, ma estrapolando la loro essenza e relazionandoli con gli altri.
In passato si riteneva che il cervello durante il sonno si disattivasse, mentre ora si sa con certezza che riesce a scomporre i ricordi, conservandone solo i dettagli più importanti. Di conseguenza il sonno diventa cruciale per l’evoluzione delle memorie emotive.
Il cervello impara mentre dormiamo e risolve problemi senza neanche saperlo, oltre a rafforzare la memoria. Ci sono cellule cerebrali che in alcune fasi del sonno aumentano la loro attività del 5-10 %. Da qui l’ importanza di almeno sei ore di sonno, tempo necessario per il consolidamento dei ricordi.I processi inconsci sono creativi e possono portare a soluzioni di problemi complessi che in stato di veglia non riusciremmo a risolvere. Artisti, letterati e famosi scienziati, attraverso intuizioni , visioni, hanno evocato il loro immaginario creativo proprio durante i sogni.

Il sonno diviene quindi un bisogno primario e lo possiamo dividere in due fasi:
SonnoREM “(Rapid Eye Moviment)  o “SONNO PARADOSSO”, occupa il 20-25% del nostro sonno. Questa fase è caratteristica per le paralisi dei muscoli (per evitare di mimare i sogni) e per i sogni.  Se ci svegliamo durante questa fase ricordiamo perfettamente il sogno che stavamo facendo e torniamo subito lucidi e presenti.

Sonno “NON-REM”  , occupa la maggior parte del sonno (75-80%), durante il quale si abbassa la pressione sanguigna e il battito cardiaco.

Durante il sonno abbiamo un’alternanza di sonno rem e n-rem in cicli.

E’ durante il sonno che si verificano i sogni, che possono considerarsi veri e propri stati modificati di coscienza.  Nel sogno tutti i sensi sono presenti in modo e intensità diversa : i suoni nel 40-50 %, le esperienze gustative, olfattive e tattili in percentuali minori.

Dall’antichità il sogno ha un valore profetico e già Plutarco riteneva che il sogno fosse il più antico degli oracoli.

Read Full Post »