Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for luglio 2007

La musicoterapia oggi viene usata frequentemente per risolvere varie malattie, soprattutto nei bambini in quanto sono particolarmente influenzati dalla musica.
La frequenza del suono, infatti, sembrerebbe riequilibrare scompensi emotivi che sono causa di numerosi disturbi fisici, quali le malattie cutanee.
Sembra che ascoltando la musica classica si possano curare malattie come ECZEMI, PSORIASI, ACNE e PRURITI.
In particolare “IL CONCERTO PER FLAUTO, ARPA e ORCHESTRA K229” di Mozart sarebbe indicato soprattutto per eczema e acne.
“VITA DI ARTISTA” di Johann Strauss curerebbe invece la psoriasi, mentre la “MARCIA NUZIALE” di Felix Mendelssohn aiuterebbe a risolvere problemi di irritazioni cutanee, in quanto farebbe emergere emozioni imprigionate, causa di infiammazioni e prurito.
L’ influenza della musica sull’organismo può essere potenziata dall’aromaterapia.
Concediamoci allora sempre più spesso un bel bagno con essenze, ascoltando una piacevole musica, dedicando così un pò di tempo solo a noi stessi.

Annunci

Read Full Post »

Vorrei segnalare questo stupendo libro che mi ha accompagnata piacevolmente nelle mie vacanze.
Attraverso questo romanzo, rivolto ad un pubblico non solo musicale, l’autrice traccia un ritratto esemplare di Nannerl, la sorella maggiore di Mozart, a sua volta genio musicale.
L’amore della scrittrice per la musica trasuda da ogni pagina ed è anche il collante che unisce i due fratelli Mozart, malgrado le difficoltà della loro vita e il complesso rapporto col loro padre.
Non ascoltare le nostre inclinazioni, non seguirle con tutte le nostre forze, non dare ascolto alla parte più profonda del nostro cuore ci fa morire a poco a poco, come stava accadendo a Nannerl.
Proprio la musica può aiutarci in questo, per la sua capacità intrinseca di portare a galla i nostri sentimenti più profondi, le nostre emozioni, nel darci la forza per attuare i nostri progetti.
Attraverso le sue parole, l’autrice, ha reso giustizia alla protagonista, al suo grido nel silenzio.
Ha saputo, inoltre, collocarla magistralmente nel contesto storico, religioso, sociale dell’universo che ha attraversato.

Read Full Post »