Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 8 giugno 2007

La musica nel cervello

Che dire di una invenzione americana, che se efficace, potrebbe rivoluzionare il modo di fruire della musica?
Si chiama HYPERSONIC SOUND, è stata inventata da Elwood Woody ed è costituita da una piastra quadrata di alluminio che trasporta le onde sonore direttamente al cervello di chi le ascolta. Il segnale audio viene dapprima convertito in frequenze superiori a quelle udibili dal nosrtro orecchio, per arrivare direttamente al cervello, che le interpreta restituendoci il risultato.
Se tutto ciò fosse confermato ci troveremmo di fronte ad una vera rivoluzione del concetto di ascolto.

Read Full Post »

“Effetto mozart”

Ho già accennato all’ “EFFETTO MOZART” in un post su questo grande musicista.
La musica di Mozart avrebbe influenze positive sull’uomo, potrebbe addirittura curare difficoltà di apprendimento, epilessia, dislessia, ritardo mentale e il deficit di attenzione dei bambini. A sostenere tutto ciò è Alfred Tomatis, un otorinolaringoiatra che si occupa dei problemi dell’ascolto. Nel suo centro Audiologico vengono fatte ascoltare musiche di Mozart, in particolare concerti per violino e determinati concerti per pianoforte, per esempio il K 482. Si è visto che facendo sentire ogni giorno la sonata K 448 a persone sofferenti di epilessia gli attacchi si riducono drasticamente. Sono stati effettuati anche esperimenti su topi e su studenti universitari ed in entrambi i casi, sia i topi che gli studenti che avevano precedentemente ascoltato Mozart hanno avuto prestazioni  intellettive migliori degli altri. L’ “effetto Mozart” viene considerato causa determinante nei processi di apprendimento.
Questo fenomeno non si verifica solo ascoltando le sinfonie del grande Amadeus, infatti sembra che anche i Canti Gregoriani, un certo tipo di jazz e di pop, i ritmi sudamericani e le armonie new age possano influenzare l’ansia, la pressione alta, il dolore.
Voglio precisare che non tutti gli studiosi sono concordi su questo effetto.
Personalmente sono propensa a crederci , non fosse altro per la grande influenza che ha su di me la sua musica che ascolto quotidianamente. Mi trasmette sensazioni, emozioni tali da produrre un effetto rilassante o energizzante, a seconda di quale pezzo ascolto.

Read Full Post »